diredonna network
logo
Stai leggendo: Animali e Botti di Capodanno: Come Proteggere i Nostri Amici

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Jeggings: cosa sono, come indossarli e i modelli di tendenza

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Animali e Botti di Capodanno: Come Proteggere i Nostri Amici

Molti dei nostri animali sono terrorizzati dai botti di Capodanno e assumono comportamenti che possono anche portarli a farsi del male. Noi padroni possiamo però mettere in atto alcune strategie per aiutarli.
(Foto: Web)
(Foto: Web)

Il Capodanno per molti animali è un periodo traumatico a causa di botti, fuochi d’artificio e petardi.

Se già a noi umani possono dare fastidio, figurarsi a loro, che hanno l’udito molto più sviluppato del nostro.

Alcuni animali non reagiscono in modo particolare quando sentono dei botti (per esempio il mio cane trova lo spettacolo dei fuochi d’artificio estremamente interessante e al massimo gli scappa qualche abbaio), ma tanti dei nostri amici pelosi possono manifestare comportamenti che mostrano disagio e paura.

Questi comportamenti possono interessare tutti gli animali, dai cani ai gatti, dai criceti ai conigli o agli uccellini, ma coinvolgono senza dubbio di più i cani, che sembrano quasi essere fobici.

I cani molto spesso cercano di scappare o dimostrano ansia tremando, cercando di nascondersi o facendo la pipì.

Alcuni tra loro sembrano quasi soffrire di un attacco di panico, che li porta a reazioni esagerate, come correre come impazziti o scappare di casa (con il rischio che si facciano male).

Poveri animali! Senza contare i danni che possono procurare a se stessi e che possono procurare alla casa!

Ma possiamo aiutarli mettendo in atto alcune strategie. Vediamo di che cosa si tratta.

1. Dove tenerli

(Foto: Web)
(Foto: Web)

A Capodanno è buona cosa non tenere gli animali all’aperto, che sia in giardino o sul balcone; infatti a causa della paura e dell’agitazione i nostri amici pelosi potrebbero scappare o anche gettarsi nel vuoto.

E la soluzione non è legarli a una catena, perché tentando di divincolarsi potrebbero anche strozzarsi.

Anche gli animaletti che sono in gabbia vanno portati in casa, dove il rumore dei botti arriva più attutito.

2. Creare un luogo sicuro

(Foto: Web)
(Foto: Web)

È fondamentale riuscire a creare un luogo sicuro, dove il nostro animale possa sentirsi a casa e protetto: per questo possiamo circondarlo con tutto ciò che lo mette a proprio agio e che associa a bei momenti, come i suoi giochi o il cuscino dove dorme.

Per evitare che i botti si sentano più del necessario, si può lasciare accesa la televisione o la radio, di modo che “distragga” le orecchie del nostro amico.

Se poi vediamo il nostro cane o gatto andare a nascondersi sotto il letto o in qualche luogo della casa, non andiamo a disturbarlo e lasciamolo lì, perché vuol dire che lì si sente più sicuro.

Ricordiamo sempre di rimuovere quegli oggetti alla sua portata con i quali, durante i momenti più critici, potrebbe farsi male.

3. Che comportamento assumere

(Foto: Web)
(Foto: Web)

Il nostro comportamento è molto importante perché influenza anche quello del nostro animale.

Nel caso dei cani non andrebbero abbandonati a se stessi durante questi momenti, perché la solitudine acuisce la loro paura; tuttavia il nostro intervento deve limitarsi alla compagnia: è buona cosa ignorare il cane agitato ed evitare di accarezzarlo o rassicurarlo, perché quest’ultimi due atteggiamenti sono vissuti dal cane come un premio ed è come se noi gli dicessimo che è bravo perché è agitato.

Per quanto riguarda i gatti, bisogna evitare di guardarli dritti negli occhi, perché potrebbero avere qualche reazione aggressiva.