diredonna network
logo
Stai leggendo: Gaia, Giovane Uccisa in Brasile per Mano dell’Amica

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Franca Viola, la ragazza che mise fine al matrimonio riparatore dopo lo stupro

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Assomigliamo ai nostri nomi: uno studio lo dimostra

I riti e i significati del matrimonio indiano: l'amore è sempre combinato?

Come pulire la lavatrice: 4 rimedi fai da te super efficaci

Da "scopa di più" a "Una signorina non...": le frasi sessiste che diciamo ogni giorno

Andrea Pace, la lettera della sorella per dire addio al piccolo Masterchef Junior

Esperimento: "Vi raccontiamo come è facile fingersi una star di Instagram e farsi pagare dai brand"

Come funziona la pianta mangiafumo?

Gaia, Giovane Uccisa in Brasile per Mano dell'Amica

Svolta nelle indagini dell'omicidio della giovane Gaia, uccisa in Brasile. L'amica sa molto più di quello che racconta.
(foto: Web)
(foto: Web)

Difficile dire con certezza che il caso sia chiuso, ma comunque una svolta nelle indagini dell’omicidio di Gaia Molinari sembra essere arrivata.
L’amica brasiliana di Gaia, Miriam Franca, è stata preventivamente arrestata dando una scossa all’inchiesta.

La giovane carioca e Gaia si erano conosciute in un hotel a Fortaleza e avevano deciso di trascorrere alcuni giorni insieme a Jerocoacoara, una delle mille spiagge d’incanto del Brasile.
Lì però Gaia è stata uccisa e da quanto si apprende Miriam si è contraddetta più volte, molte dichiarazioni non tornano e quindi il suo coinvolgimento è praticamente certo.

Gli inquirenti intendono in altre parole compiere delle verifiche, vogliono vedere più chiaro su quanto da lei raccontato. Miriam era entrata fin dal primo momento nelle indagini subito dopo la scoperta sulla spiaggia del corpo di Gaia. Inizialmente come testimone, ma da oggi con un ruolo diverso, visto che le autorità giudiziarie hanno deciso di arrestarla.

I media locali ci tengono a far sapere che Miriam ha accettato la decisione di essere fermata senza ribellarsi in alcun modo.

Era stata proprio Miriam a far puntare i riflettori delle indagini su un uomo, subito interrogato dalla polizia ma poi rilasciato, perchè considerato estraneo all’omicidio. Sempre lei poi aveva raccontato gli spostamenti della ragazza italiana in quei giorni, compreso il check-out già fatto dalla ‘pousadà che le ospitava prima della sua ultima passeggiata senza ritorno verso la spiaggia.

Nel frattempo il corpo di Gaia sarà cremato a Fortaleza non appena le autorità brasiliane daranno l’autorizzazione.