diredonna network
logo
Stai leggendo: Izzy, la Prima Baby Modella Con la Sindrome di Down

Quei messaggi che una modella riceve ogni giorno anche se non li vuole

La violenza atroce di chi insulta la mamma che ha dimenticato la figlia in auto

Pedopornografia in crescita: la "colpa" (involontaria) è delle foto postate dai genitori

"Ho provato un’app di incontri a 35 anni ed ecco cosa è successo"

Senza materie e con gli smartphone: la rivoluzione della scuola ha inizio

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Izzy, la Prima Baby Modella Con la Sindrome di Down

Izzy è una bambina come tutte le altre: è una mini-modella per un negozio di giocattoli. Scelta per dimostrare che tutte le famiglie sono uguali, con il suo sorriso distrugge ogni pregiudizio.
(foto: Web)
(foto: Web)

Una bellezza unica, che brilla soprattutto di normalità.
Izzy Bradley, di Stillwater, Minnesota, è una mini-modella di 2 anni, affetta da sindrome di down, e che il suo volto faccia da testimonial a dei giocattoli evidenzia come non ci sia nulla di strano, nulla di diverso nell’avere un cromosoma in più.

La scelta di Target di aggiungere Izzy Bradley nei loro annunci rende naturale e normale questa sindrome, portando le altre persone a capire meglio che si tratta di una famiglia come tutte le altre.

La madre di Izzy, Heather, si augura inoltre che l’inclusione di Izzy nella campagna aiuterà gli altri che hanno bambini con sindrome di Down a trarre ispirazione dalla loro storia.

“Voglio che le famiglie che hanno avuto bambini disabili possano guardare con fiducia al futuro dei propri figli, guardando Izzy”.

E chiunque guardi questa pubblicità, non può che provare empatia positiva verso Izzy e la sua famiglia.

“Tutto ciò aiuta a far comprendere come la sindrome di Down deve far parte della nostra quotidianità, perché no anche rappresentando la felicità di una bambina davanti a un gioco
parla la mamma.