diredonna network
logo
Stai leggendo: Izzy, la Prima Baby Modella Con la Sindrome di Down

Benvenute nel Medioevo digitale: "Donne chiatte? Contenitori di sperma". Passato l'8 marzo, finita la festa

Questi sono i numeri! Non c'è nessuna Festa della Donna, perché non c'è niente da festeggiare

Questa Festa della Donna ha bisogno delle tette di Emma Watson

Il dramma dei bacha-bazi: i bambini schiavi sessuali che ballano vestiti da femmina

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Izzy, la Prima Baby Modella Con la Sindrome di Down

Izzy è una bambina come tutte le altre: è una mini-modella per un negozio di giocattoli. Scelta per dimostrare che tutte le famiglie sono uguali, con il suo sorriso distrugge ogni pregiudizio.
(foto: Web)

Una bellezza unica, che brilla soprattutto di normalità.
Izzy Bradley, di Stillwater, Minnesota, è una mini-modella di 2 anni, affetta da sindrome di down, e che il suo volto faccia da testimonial a dei giocattoli evidenzia come non ci sia nulla di strano, nulla di diverso nell’avere un cromosoma in più.

La scelta di Target di aggiungere Izzy Bradley nei loro annunci rende naturale e normale questa sindrome, portando le altre persone a capire meglio che si tratta di una famiglia come tutte le altre.

La madre di Izzy, Heather, si augura inoltre che l’inclusione di Izzy nella campagna aiuterà gli altri che hanno bambini con sindrome di Down a trarre ispirazione dalla loro storia.

“Voglio che le famiglie che hanno avuto bambini disabili possano guardare con fiducia al futuro dei propri figli, guardando Izzy”.

E chiunque guardi questa pubblicità, non può che provare empatia positiva verso Izzy e la sua famiglia.

“Tutto ciò aiuta a far comprendere come la sindrome di Down deve far parte della nostra quotidianità, perché no anche rappresentando la felicità di una bambina davanti a un gioco
parla la mamma.