diredonna network
logo
Stai leggendo: Izzy, la Prima Baby Modella Con la Sindrome di Down

Quando lui si sfila il preservativo: subire violenza senza rendersene conto. La storia di Stella.

La nipote muore di cancro. Insulti sul web a Miguel Bosé: "Dio ti ha punito perché sei omosessuale"

Trench: storia di un capo senza tempo!

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Calzedonia Costumi 2017: tutte le novità della nuova collezione estiva!

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Izzy, la Prima Baby Modella Con la Sindrome di Down

Izzy è una bambina come tutte le altre: è una mini-modella per un negozio di giocattoli. Scelta per dimostrare che tutte le famiglie sono uguali, con il suo sorriso distrugge ogni pregiudizio.
(foto: Web)

Una bellezza unica, che brilla soprattutto di normalità.
Izzy Bradley, di Stillwater, Minnesota, è una mini-modella di 2 anni, affetta da sindrome di down, e che il suo volto faccia da testimonial a dei giocattoli evidenzia come non ci sia nulla di strano, nulla di diverso nell’avere un cromosoma in più.

La scelta di Target di aggiungere Izzy Bradley nei loro annunci rende naturale e normale questa sindrome, portando le altre persone a capire meglio che si tratta di una famiglia come tutte le altre.

La madre di Izzy, Heather, si augura inoltre che l’inclusione di Izzy nella campagna aiuterà gli altri che hanno bambini con sindrome di Down a trarre ispirazione dalla loro storia.

“Voglio che le famiglie che hanno avuto bambini disabili possano guardare con fiducia al futuro dei propri figli, guardando Izzy”.

E chiunque guardi questa pubblicità, non può che provare empatia positiva verso Izzy e la sua famiglia.

“Tutto ciò aiuta a far comprendere come la sindrome di Down deve far parte della nostra quotidianità, perché no anche rappresentando la felicità di una bambina davanti a un gioco
parla la mamma.