diredonna network
logo
Stai leggendo: Ku Klux Klan da fuoco ad una donna di colore

"Ho perso 83 chili, sono soddisfatta, ma ora ho un 'vestito' di pelle in eccesso"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Ku Klux Klan da fuoco ad una donna di colore

Donna di colore aggredita e bruciata in Lousiana da alcuni membri del Ku Klux Klan. Un fatto increscioso che mostra come la violenza razzista sia ancora purtroppo troppo presente nel mondo.

Ennesima aggressione ad una donna, questa volta per il colore della sua pelle. Succede in Lousiana, negli Stati Uniti.

Sharmeka Moffit, ventenne di colore, si trova ora in gravissime condizioni e il suo corpo è bruciato per oltre il 50%. 

La giovane è stata aggredita all’improvviso mentre stava facendo jogging in un parco. Secondo la stampa americana, gli aggressori erano vestiti con il tradizionale cappuccio bianco, codice di riconoscimento del Ku Klux Klan, del quale, tra le altre cose, è stata rivenuta la sigla KKK sul cofano dell’auto della vittima. Proprio la ragazza è riuscita a chiamare il 911, dopo aver provato a spegnere le fiamme con una bottiglia d’acqua nel mentre i soccorsi stavano arrivando.

Tutti d’accordo sul fatto che l’aggressione è stato un fatto decisamente “ripugnante” come ha ribadito lo sceriffo cittadino, Kavin Cobb, assicurando che la polizia farà di tutto per dare giustizia a Sharmeka.

Da qualche tempo il KKK cerca di rientrare nella società, proponendosi per lavori di volontariato, oppure finanziando la riqualificazione di diverse strade, come successe a giugno, creando scandalo e indegno popolare.

Tra le varie leggende che si sono create intorno al fatto, tramite social network, è stata subito smentita la notizia che la giovane  indossasse una maglietta di Barack Obama al momento dell’aggressione.