diredonna network
logo
Stai leggendo: Ku Klux Klan da fuoco ad una donna di colore

Stuprata a 16 anni su ordine del "tribunale" del villaggio per punire il fratello

Caso Diele: Ilaria non è morta perché "la giornata in cui fai una cazzata capita a tutti"

"Mi fanno paura gli uomini che..." quel messaggio di Maria, uccisa dall'ex

"Non accettiamo animali e gay", ma "scusate se sembro troglodita"

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Dai 13 anni sono stata abusata più volte dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Ku Klux Klan da fuoco ad una donna di colore

Donna di colore aggredita e bruciata in Lousiana da alcuni membri del Ku Klux Klan. Un fatto increscioso che mostra come la violenza razzista sia ancora purtroppo troppo presente nel mondo.

Ennesima aggressione ad una donna, questa volta per il colore della sua pelle. Succede in Lousiana, negli Stati Uniti.

Sharmeka Moffit, ventenne di colore, si trova ora in gravissime condizioni e il suo corpo è bruciato per oltre il 50%. 

La giovane è stata aggredita all’improvviso mentre stava facendo jogging in un parco. Secondo la stampa americana, gli aggressori erano vestiti con il tradizionale cappuccio bianco, codice di riconoscimento del Ku Klux Klan, del quale, tra le altre cose, è stata rivenuta la sigla KKK sul cofano dell’auto della vittima. Proprio la ragazza è riuscita a chiamare il 911, dopo aver provato a spegnere le fiamme con una bottiglia d’acqua nel mentre i soccorsi stavano arrivando.

Tutti d’accordo sul fatto che l’aggressione è stato un fatto decisamente “ripugnante” come ha ribadito lo sceriffo cittadino, Kavin Cobb, assicurando che la polizia farà di tutto per dare giustizia a Sharmeka.

Da qualche tempo il KKK cerca di rientrare nella società, proponendosi per lavori di volontariato, oppure finanziando la riqualificazione di diverse strade, come successe a giugno, creando scandalo e indegno popolare.

Tra le varie leggende che si sono create intorno al fatto, tramite social network, è stata subito smentita la notizia che la giovane  indossasse una maglietta di Barack Obama al momento dell’aggressione.