diredonna network
logo
Stai leggendo: Bordighera: Mamma Uccide Figlio di 9 mesi: “L’ho gettato in mare”

"Tu rimani un povero handicappato e ne sono contento": il cartello shock

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Bordighera: Mamma Uccide Figlio di 9 mesi: "L'ho gettato in mare"

Orrore a Bordighera dove si cerca ancora il corpo di un bimbo di nove mesi, buttato in mare dalla madre. La donna russa è in stato di fermo nel carcere ligure.
Ennesima tragedia: mamma uccide figlio di 9 mesi in Liguria
Fonte: Web

È accaduto a Bordighera, nella notte tra mercoledì e giovedì. Alle 2 di notte la donna 40enne russa Natalia Sotnikova, è uscita dall’albergo, è salita in macchina e si è allontanata raggiungendo una scogliera lontana una ventina di chilometri.

Dopo due ore, quindi intorno alle 4, del bimbo non c’erano più tracce. L’accompagnatore della donna però se ne è reso conto solo la mattina al risveglio.

Inizialmente la donna ha detto di averlo lasciato su una scogliera. Nella serata di ieri la terribile confessione:

Sono stata io, l’ho portato al largo a nuoto, con il marsupio, poi l’ho annegato.

Dopo un lungo interrogatorio la donna russa ha confessato di averlo ucciso perchè temeva che fosse gravemente ammalato di schizofrenia.

Subito dopo la denuncia sono scattate le ricerche tra Imperia e Sanremo con l’ausilio dei sommozzatori dei Carabinieri, degli elicotteri e dei mezzi della Capitaneria di Porto, ma il corpicino del bambino non è ancora stato ritrovato e la donna è in stato di fermo presso il carcere di Imperia con accusa di omicidio volontario con aggravante da crudeltà.