diredonna network
logo
Stai leggendo: Confessione Shock dell’Assassino di Gilberta, Professoressa di Sora

J. Madison Wright, l'attrice che morì a 21 anni di ritorno dalla luna di miele

Angelina Jolie e il divorzio: "Bisogna piangere sotto la doccia, non davanti ai figli"

Saldi aerei? Di più: "Vi pagheremo per volare con noi"

La mamma discute la tesi del figlio morto pochi giorni prima

La ricetta più speciale di Chef Alessandro Borghese per un matrimonio perfetto

Oroscopo dal 27 luglio al 2 agosto - Come sopravvivere alle stelle

I commenti e le reazioni delle donne quando ho indossato per strada un abito provocante

Il reggiseno per bambine di 8 anni è troppo provocante (e push up)

Gli uomini preferiscono le donne formose. Ecco perché!

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

Confessione Shock dell'Assassino di Gilberta, Professoressa di Sora

Confessione shock dell'assassino della professoressa di Sora. Ecco cos'è successo la notte della scomparsa.
(foto: Web)
(foto: Web)

Gilberta Palleschi era semplicemente uscita per fare una passeggiata tra i sentieri, ma dopo un mese, la donna di 57anni, di Sora, è stata trovata morta, uccisa.
Il suo assassino l’ha incontrata proprio durante la passeggiata.
Non si conoscevano, molto probabilmente.

 Lei ha provato a resistere al tentativo di stupro, ha provato a scappare.
Il suo comportamento però ha fatto arrabbiare doppiamente il suo assassino, un muratore quarantenne della stessa cittadina.
L’uomo ha confessato tutto:

Prima l’ha massacrata a calci e pugni sulla testa, poi l’ha caricata sul furgone, ancora viva e l’ha abbandonata nella cava di un bosco di Campoli Appenino, un piccolo paesello in provincia di Frosinone.

Il giorno dopo l’omicidio, il muratore sarebbe tornato dalla donna e avrebbe provato ad avere un rapporto sessuale con il cadavere.

Un racconto terribile che l’uomo avrebbe fatto alla polizia prima di indicare agli agenti dove fosse il corpo della professoressa.

Gilberta Palleschi era scomparsa a novembre.

Era un’insegnante di inglese che ricopriva anche un incarico importante nella sezione Lazio dell’Unicef.

Per avere la certezza che possa trattarsi dell’insegnante sarà effettuato anche il riconoscimento genetico.