diredonna network
logo
Stai leggendo: Confessione Shock dell’Assassino di Gilberta, Professoressa di Sora

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Confessione Shock dell'Assassino di Gilberta, Professoressa di Sora

Confessione shock dell'assassino della professoressa di Sora. Ecco cos'è successo la notte della scomparsa.
(foto: Web)
(foto: Web)

Gilberta Palleschi era semplicemente uscita per fare una passeggiata tra i sentieri, ma dopo un mese, la donna di 57anni, di Sora, è stata trovata morta, uccisa.
Il suo assassino l’ha incontrata proprio durante la passeggiata.
Non si conoscevano, molto probabilmente.

 Lei ha provato a resistere al tentativo di stupro, ha provato a scappare.
Il suo comportamento però ha fatto arrabbiare doppiamente il suo assassino, un muratore quarantenne della stessa cittadina.
L’uomo ha confessato tutto:

Prima l’ha massacrata a calci e pugni sulla testa, poi l’ha caricata sul furgone, ancora viva e l’ha abbandonata nella cava di un bosco di Campoli Appenino, un piccolo paesello in provincia di Frosinone.

Il giorno dopo l’omicidio, il muratore sarebbe tornato dalla donna e avrebbe provato ad avere un rapporto sessuale con il cadavere.

Un racconto terribile che l’uomo avrebbe fatto alla polizia prima di indicare agli agenti dove fosse il corpo della professoressa.

Gilberta Palleschi era scomparsa a novembre.

Era un’insegnante di inglese che ricopriva anche un incarico importante nella sezione Lazio dell’Unicef.

Per avere la certezza che possa trattarsi dell’insegnante sarà effettuato anche il riconoscimento genetico.