diredonna network
logo
Stai leggendo: Confessione Shock dell’Assassino di Gilberta, Professoressa di Sora

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Programmi per Pasqua e Pasquetta: avete fatto i conti con il meteo del week end?

Confessione Shock dell'Assassino di Gilberta, Professoressa di Sora

Confessione shock dell'assassino della professoressa di Sora. Ecco cos'è successo la notte della scomparsa.
(foto: Web)

Gilberta Palleschi era semplicemente uscita per fare una passeggiata tra i sentieri, ma dopo un mese, la donna di 57anni, di Sora, è stata trovata morta, uccisa.
Il suo assassino l’ha incontrata proprio durante la passeggiata.
Non si conoscevano, molto probabilmente.

 Lei ha provato a resistere al tentativo di stupro, ha provato a scappare.
Il suo comportamento però ha fatto arrabbiare doppiamente il suo assassino, un muratore quarantenne della stessa cittadina.
L’uomo ha confessato tutto:

Prima l’ha massacrata a calci e pugni sulla testa, poi l’ha caricata sul furgone, ancora viva e l’ha abbandonata nella cava di un bosco di Campoli Appenino, un piccolo paesello in provincia di Frosinone.

Il giorno dopo l’omicidio, il muratore sarebbe tornato dalla donna e avrebbe provato ad avere un rapporto sessuale con il cadavere.

Un racconto terribile che l’uomo avrebbe fatto alla polizia prima di indicare agli agenti dove fosse il corpo della professoressa.

Gilberta Palleschi era scomparsa a novembre.

Era un’insegnante di inglese che ricopriva anche un incarico importante nella sezione Lazio dell’Unicef.

Per avere la certezza che possa trattarsi dell’insegnante sarà effettuato anche il riconoscimento genetico.