diredonna network
logo
Stai leggendo: Natale: come Salvare l’Albero dal Gatto e il Gatto dall’Albero

Cane coraggioso salva la sua amica ferita dai binari ferroviari

Arriva la lingua di gomma per leccare il gatto. Ma la cosa incredibile è un' altra

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Pochette: segreti e storia di un accessorio senza tempo!

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

7 scarpe che dovreste comprare durante i saldi (perché saranno di moda anche l'anno prossimo)

Natale: come Salvare l'Albero dal Gatto e il Gatto dall'Albero

Il rapporto tra gatto e albero di Natale non è mai facile. Il micio di solito cerca di intrufolarcisi, ma è un gioco che può rivelarsi anche molto pericoloso per lui. Ecco cosa fare per salvaguardare il gatto senza rinunciare al simbolo per eccellenza di queste feste.
Foto: web

Quella di intrufolarsi nell’albero di Natale è una tentazione irresistibile per i nostri amici a quattro zampe.

Chi ne ha già uno in casa lo sa bene.

Ma, oltre ad essere una bella seccatura per il tempo che avete impiegato a sistemare tutte le decorazioni per bene, è soprattutto un pericolo per loro, che possono farsi male a volte per motivi che neanche immaginiamo.

Vediamo allora le precauzioni da prendere per addobbare il nostro albero a prova di gatto, ma prima divertitevi con questa gallery di gatti che si infilano negli alberi di Natale!

1. Vero o finto?

Foto: web

È più sicuro l’albero vero o quello finto?

Quelli naturali potrebbero essere più pericolosi per il vostro gatto per via degli aghi.

Potrebbero pungergli gli occhi e persino  forargli la pelle e, se masticati, a seconda della pianta, danneggiargli l’intestino e procurargli anche un’intossicazione.

Ovviamente nei casi davvero peggiori, ma è meglio essere previdenti.

Quindi, se proprio per voi non è vero Natale se non è vero anche l’albero, spazzate ogni giorno gli aghi caduti e scegliete un contenitore dell’acqua che rimanga inaccessibile al gatto, per evitare il pericolo di avvelenamento.

Qualunque sia l’albero poi, meglio optare per uno non troppo grande.

Se dovesse cadergli addosso, farà di certo meno male.

2. Dove lo metto?

Foto: web

La posizione deve essere strategica.

Meglio tenere l’albero lontano da oggetti su cui il gatto potrebbe facilmente arrampicarsi per lanciarcisi sopra.

E meglio ancora se riuscite a piazzarlo ad angolo, in modo che sia protetto da due pareti.

Se potete, posizionatelo in una stanza con la porta, in modo tale che se dormite o siete fuori casa, il furbo felino non ne approfitterà per festeggiare il Natale a modo suo.

3. Occhio alla base

Foto: web

Più la base sarà bella resistente, minore sarà il rischio che cada al primo assalto.

Se possibile, cercate di fissare l’albero anche alla parete o al soffitto.

Giusto per stare ancora più tranquille.

Una precauzione importante anche se avete dei bimbi in casa.

4. Odori alleati

Foto: web

Se avete scelto un albero di plastica, utilizzate la citronella per profumare delle pigne che metterete al suo interno, oppure diluitene l’olio in una bottiglia d’acqua e spruzzatelo sull’albero.

È un odore che  il micio non sopporta.

Per l’albero vero usate questo stratagemma: spruzzate i rami con una miscela di pepe di cayenna e acqua.

L’odore dovrebbe tenerlo lontano, così come quello dell’aceto di mele.

In entrambi i casi è utile anche mettere alla base delle bucce d’arancia.

5. Luci e cavi

Foto: web

Le luci e i loro cavi sono davvero invitanti per il vostro gattino.

Per evitare che si metta a sgranocchiarli come i suoi croccantini preferiti, non fate penzolare nessun cavo, fermate quello in eccesso con del nastro ed eventualmente ricorrete alle canaline.

Ricordatevi sempre di spegnere le luci se non siete in zona.

6. Abituarlo all’albero

Foto: web

Un buon consiglio è di lasciar passare qualche giorno prima di decorare l’albero.

Così il gatto avrà il tempo di abituarsi alla sua presenza e voi  avrete la possibilità di “educarlo”, pronunciando un “no” deciso e spruzzandogli qualche gocciolina d’acqua con uno spruzzino quando disobbedisce.

7. Il momento della decorazione

Foto: web

Meglio non farsi vedere dagli amici a quattro zampe quando si decora l’albero e soprattutto non fatelo mai giocare con gli addobbi mentre li tirate fuori dalla scatola, perché poi pretenderebbe di farlo anche quando li vede appesi.

Scegliete palline di plastica e non di vetro e meglio se non particolarmente luccicanti.

Sarebbero ai suoi occhi irresistibili!

Evitate anche gli oggetti che oscillano molto.

8. Addobbi pericolosi

Foto: web

No ai nastri argentati o dorati: se finiscono tra le fauci del gattino potrebbero provocargli soffocamento o occlusioni intestinali.

Bandita anche la neve artificiale, che è tossica.

Se decidete di usare decorazioni delicate o pericolose, lasciatele per la parte più alta dell’albero.

Ma se il vostro gatto è uno scalatore provetto, valutate l’opportunità di rinunciarvi del tutto.

Gli addobbi dovrebbero comunque essere fissati saldamente ai rami in modo che sia più difficoltoso farli cadere.

9. Attenzione ai regali

Foto: web

Anche ai regali sotto l’albero bisogna prestare attenzione.

Il pericolo può arrivare dai nastri che piacciono tanto ai mici, soprattutto quelli luccicanti e arrotolati, e che possono procurargli delle anomalie gastrointestinali.

Se non volete rinunciare al piacere di mettere i pacchettini colorati sotto al pino, meglio preferire i fili in corda o nastri più larghi.

A questo punto avete fatto tutto il possibile per salvare il gatto dall’albero.

Al massimo vi dovrete preoccupare di salvare l’albero dal gatto.

E, in questo caso, state pronti ad immortalare il momento dell’assalto all’albero con una foto.

In fondo, non è Natale anche per lui?