diredonna network
logo
Stai leggendo: Dicono “No” alla Ceretta: dall’Inghilterra i Selfie delle Donne Pelose

Tutta colpa di Twiggy (e di Mary Quant) se le cattive ragazze indossano la minigonna

Scopri quali parole sono state inventate nell'anno in cui sei nato

Perché quando "ti senti osservato" in genere è vero

Le cicatrici di Francia Raisa che ha donato il rene a Selena Gomez

Ignazio Moser svela il suo curriculum di donne (con voti) al GF Vip

Congo, il destino dei bambini stregoni violentati e bruciati vivi

Nel Paese dove le donne si offendono se le chiami "casalinghe"

È arrivato Sleeping River Island, il cappotto da divano per l'inverno

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Dicono "No" alla Ceretta: dall'Inghilterra i Selfie delle Donne Pelose

Dall'Inghilterra arriva una nuova e discutibile tendenza in fatto di selfie e bellezza. Ecco perché non ci piace l'idea del dover dire addio alla ceretta per sentirsi più donne.
(Foto: Web)
(Foto: Web)

Questo argomento non è nuovissimo, ma era necessario ragionare bene sulla questione prima di sparare a zero commenti, insulti o lodi.

Dall’Inghilterra infatti arriva l’ultima tendenza in fatto di selfie e di bellezza.

Molte donne hanno iniziato a ribellarsi alla ceretta, per rivendicare l’essere Femmina sempre e comunque, in ogni caso, non importa quel che il sistema suggerisce.

Ma davvero ci troviamo davanti ad una protesta femminista 2.0 o è una mossa più superficiale del superficiale (scusate il gioco di parole, in questo caso necessario) che si vuole combattere?

Perché truccarsi, pettinarsi, vestirsi secondo il proprio mood e liberarsi dei peli superflui devono essere considerati atti maschilisti?

Una donna non può trovarsi attraente, curando il proprio corpo e la propria immagine, semplicemente per se stessa?

L’Hairy Legs Club, la “Lega delle gambe pelose”, contro gli stereotipi di donna perfetta, onestamente mi fa un po’ ridere.

Forse sarebbe meglio continuare a depilarsi ma alzare la voce e la testa davanti alle ingiustizie, smetterla di assecondare in tutto e per tutto il partner per paura di restare sole e iniziare ad essere collaborative tra di noi e non sempre vittime e/o carnefici della competizione.

Questo sarebbe un vero Femminismo 2.0.

(Guardo le immagini, leggo le loro didascalie e chiamo al volo la mia estetista).

(foto: HairyLegsClub)
(Foto: Web)

Mi depilavo le gambe ogni giorno. Andavo spesso dal parrucchiere. Ho sempre pensato che il mio corpo, nella sua naturalezza, fosse sbagliato.
Poi ho capito che viviamo in una cultura maschilista ossessionata dai corpi attraverso il porno, che mitizzano donne adulte glabre come le pre-adolescenti. Questo mi ha nauseato e ho quindi deciso di smettere la mia battaglia contro i peli superflui.

(foto: HairyLegsClub)
(Foto: Web)

Mia madre mi ha sempre costretta a radermi. Per questo mi sono ribellata.

(foto: HairyLegsClub)
(Foto: Web)

Odio depilarmi, e poi i peli crescono troppo velocemente. Non sono totalmente contraria alla depilazione, ma non mi rado più da settembre ad aprile. È una sorta di tradizione la mia.

(foto: HairyLegsClub)
(Foto: Web)

Ho smesso di depilarmi circa un anno fa e mi ci è voluto un po’ per farmi coraggio ed indossare per esempio degli abiti senza calze. È piuttosto strano il fatto che la gente le consideri gambe da uomo! Queste sono gambe da donna, donna al naturale!

Il mio corpo in questo modo mi fa sentire più fedele a me stessa.

(foto: HairyLegsClub)
(Foto: Web)

Amo le mie morbide gambe pelose! La ceretta è terribile, gli epilatori sono una vera tortura, la lametta non dura! W la naturalezza!