diredonna network
logo
Stai leggendo: Muoiono a poca distanza una dall’altra, due amiche pluricentenarie.

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Lui è Searyl, il primo bambino al mondo né maschio né femmina

Morire in diretta Instagram a 16 e 24 anni: l'ultima tragica story delle reginette di bellezza

Muoiono a poca distanza una dall'altra, due amiche pluricentenarie.

Amiche da una vita, Alberta Fabris e Teresa Graziani dopo aver affrontato più di un secolo insieme, si spengono a poche ore di distanza l'una dall'altra, nella casa di riposo che le ospitava. Domani l'addio della città, di cui erano i due volti storici.

Un finale tenero e commovente quello dell’amicizia delle due donne più anziane di Conegliano Veneto.

Amiche da sempre, si frequentano già sui banchi di scuola, quasi un secolo fa.

Alberta Fabris e Teresa Graziani, classe 1905, hanno conosciuto, e affrontato, le due guerre, la prima forte crisi, il boom economico, l’arrivo della tecnologia… e unite da un’amicizia leale e profonda, si sono supportate tra gioie e dolori.

La vita se le è portate anche via insieme, all’età di 107 anni.

Entrambe di origini nobili, entrambe nubili.

Il Gazzettino racconta la loro storia e raccoglie le testimonianze dei conoscenti che ricordano due personalità diverse, ma complementari.

Alberta fu la prima donna ad avere la patente nella provincia di Treviso, estroversa, campionessa di tennis e di sci, disciplina che smise alla tenera età di 87 anni.

Teresa, più riservata, rimase orfana di madre a soli 12 anni e passò la vita ad occuparsi del padre, economo della Diocesi, visitando parrocchie.

214 anni in due, unite per la vita.

La città, di cui erano i due volti identificatori, darà l’addio alle due amiche domani.