diredonna network
logo
Stai leggendo: Muoiono a poca distanza una dall’altra, due amiche pluricentenarie.

Emergenza stupri: più di una vittima al giorno, la più giovane ha 17 anni, la più anziana 81

Jada Pinkett Smith su Tupac: "Mi manca tanto e ho un grande rimpianto"

I messaggi di Michelle Carter, accusata di omicidio per aver spinto il fidanzato al suicidio

Lady Gaga, ricoverata per fibromialgia: "I dolori mi impediscono una vita normale"

William Pezzulo, sfigurato con l'acido dalla ex: "La violenza non ha sesso"

Caterina Balivo: "Perché ho chiamato mia figlia Cora"

"Sono diventata mora, ho tolto tacchi e lenti: così ho fatto carriera"

Ecco One Step 2: la mitica Polaroid è davvero tornata

Firenze, segrega la figlia per 4 anni e la dà in sposa per 15mila euro

Adam Levine e Behati Prinsloo: "Vogliamo 100 bambini". Per ora annunciano il secondo così

Muoiono a poca distanza una dall'altra, due amiche pluricentenarie.

Amiche da una vita, Alberta Fabris e Teresa Graziani dopo aver affrontato più di un secolo insieme, si spengono a poche ore di distanza l'una dall'altra, nella casa di riposo che le ospitava. Domani l'addio della città, di cui erano i due volti storici.

Un finale tenero e commovente quello dell’amicizia delle due donne più anziane di Conegliano Veneto.

Amiche da sempre, si frequentano già sui banchi di scuola, quasi un secolo fa.

Alberta Fabris e Teresa Graziani, classe 1905, hanno conosciuto, e affrontato, le due guerre, la prima forte crisi, il boom economico, l’arrivo della tecnologia… e unite da un’amicizia leale e profonda, si sono supportate tra gioie e dolori.

La vita se le è portate anche via insieme, all’età di 107 anni.

Entrambe di origini nobili, entrambe nubili.

Il Gazzettino racconta la loro storia e raccoglie le testimonianze dei conoscenti che ricordano due personalità diverse, ma complementari.

Alberta fu la prima donna ad avere la patente nella provincia di Treviso, estroversa, campionessa di tennis e di sci, disciplina che smise alla tenera età di 87 anni.

Teresa, più riservata, rimase orfana di madre a soli 12 anni e passò la vita ad occuparsi del padre, economo della Diocesi, visitando parrocchie.

214 anni in due, unite per la vita.

La città, di cui erano i due volti identificatori, darà l’addio alle due amiche domani.