diredonna network
logo
Stai leggendo: Muoiono a poca distanza una dall’altra, due amiche pluricentenarie.

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Saldi estivi 2017: quando iniziano Regione per Regione e i must have della stagione!

Muoiono a poca distanza una dall'altra, due amiche pluricentenarie.

Amiche da una vita, Alberta Fabris e Teresa Graziani dopo aver affrontato più di un secolo insieme, si spengono a poche ore di distanza l'una dall'altra, nella casa di riposo che le ospitava. Domani l'addio della città, di cui erano i due volti storici.

Un finale tenero e commovente quello dell’amicizia delle due donne più anziane di Conegliano Veneto.

Amiche da sempre, si frequentano già sui banchi di scuola, quasi un secolo fa.

Alberta Fabris e Teresa Graziani, classe 1905, hanno conosciuto, e affrontato, le due guerre, la prima forte crisi, il boom economico, l’arrivo della tecnologia… e unite da un’amicizia leale e profonda, si sono supportate tra gioie e dolori.

La vita se le è portate anche via insieme, all’età di 107 anni.

Entrambe di origini nobili, entrambe nubili.

Il Gazzettino racconta la loro storia e raccoglie le testimonianze dei conoscenti che ricordano due personalità diverse, ma complementari.

Alberta fu la prima donna ad avere la patente nella provincia di Treviso, estroversa, campionessa di tennis e di sci, disciplina che smise alla tenera età di 87 anni.

Teresa, più riservata, rimase orfana di madre a soli 12 anni e passò la vita ad occuparsi del padre, economo della Diocesi, visitando parrocchie.

214 anni in due, unite per la vita.

La città, di cui erano i due volti identificatori, darà l’addio alle due amiche domani.