diredonna network
logo
Stai leggendo: Un marocchino salva una famiglia che rischia di morire annegata e poi scappa

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Oroscopo dal 12 al 18 gennaio 2017 - Come sopravvivere alle stelle

La dedica di Ryan Gosling è la più commovente dichiarazione d'amore di sempre

"Se hai il ciclo non puoi entrare": la rivolta social delle donne indiane

Siamo fatti così: torna in tv il cartone che racconta il corpo umano. Ecco quando e dove

Un marocchino salva una famiglia che rischia di morire annegata e poi scappa

È accaduto nella notte tra sabato e domenica, quando l'auto di una famiglia è finita in un canale di irrigazione del Fucino. Quel tratto di strada non è nuovo a questo tipo di incidenti, ma è la prima volta che il coraggio di un giovane marocchino salva i tre presenti nell'auto finita nel fossato.

Una famiglia, in seguito ad un incidente in auto, è finita con il mezzo in un canale della piana del fucino. Grazie alla tempistività di un marocchino che ha assistito alla scena e non ha esitato a tuffarsi, le tre persone (padre, madre e figlio) hanno scampato l’annegamento. Il ragazzo però, dopo aver compiuto il salvataggio, si è dato alla fuga poiché -probabilmente- clandestino. Il tutto è accaduto sulla provinciale 20 tra Avezzano e San Benedetto dei Marsi, dove diversi testimoni hanno raccontato di aver assistito all’impresa dell’immigrato.

L’incidente sarebbe avvenuto a causa delle avverse condizioni climatiche e, in particolare, della fitta nebbia. I tre sono stati trasportati all’ospedale, e quello in condizioni peggiore sembrerebbe essere il padre, attualmente ricoverato in prognosi riservata.