diredonna network
logo
Stai leggendo: Un marocchino salva una famiglia che rischia di morire annegata e poi scappa

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Un marocchino salva una famiglia che rischia di morire annegata e poi scappa

È accaduto nella notte tra sabato e domenica, quando l'auto di una famiglia è finita in un canale di irrigazione del Fucino. Quel tratto di strada non è nuovo a questo tipo di incidenti, ma è la prima volta che il coraggio di un giovane marocchino salva i tre presenti nell'auto finita nel fossato.

Una famiglia, in seguito ad un incidente in auto, è finita con il mezzo in un canale della piana del fucino. Grazie alla tempistività di un marocchino che ha assistito alla scena e non ha esitato a tuffarsi, le tre persone (padre, madre e figlio) hanno scampato l’annegamento. Il ragazzo però, dopo aver compiuto il salvataggio, si è dato alla fuga poiché -probabilmente- clandestino. Il tutto è accaduto sulla provinciale 20 tra Avezzano e San Benedetto dei Marsi, dove diversi testimoni hanno raccontato di aver assistito all’impresa dell’immigrato.

L’incidente sarebbe avvenuto a causa delle avverse condizioni climatiche e, in particolare, della fitta nebbia. I tre sono stati trasportati all’ospedale, e quello in condizioni peggiore sembrerebbe essere il padre, attualmente ricoverato in prognosi riservata.