diredonna network
logo
Stai leggendo: Ikea: Il Viaggio Nel Tempo Continua

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Oroscopo dal 22 al 28 giugno - Come sopravvivere alle stelle

Eros e Marica hanno ben due anniversari di nozze e... doppia dedica social

20 anni di Friends: per festeggiare arriva la maratona 24 ore al giorno

Indossa queste borse e ti sembrerà di essere in un cartone animato

Quando ti rendi conto perché i ray-ban si chiamano ray-ban

L'altro Middleton: il fratello di Kate e Pippa fa il lavoro... più dolce del mondo!

Ikea: Il Viaggio Nel Tempo Continua

Con il nuovo catalogo Ikea si viaggia nel tempo. Prosegue l'esperimento di Ikea che permette alle giovani coppie di sbirciare il loro futuro e invitandole ad assoporare ogni attimo del presente. Perchè spesso è proprio nelle giornate ordinarie, che accade qualcosa di magico e unico....
Ikea: Il Viaggio Nel Tempo Continua
(Foto: Youtube)

Ikea non finisce di stupire. Dopo il primo episodio che vi abbiamo mostrato nelle scorse settimane,  il suo “viaggio nel tempo” continua, con l’aiuto di Justin Tranz e i suoi esperimenti di ipnosi.

In questa seconda puntata, la coppia “vittima” di Tranz ha potuto assistere al suo futuro: come il loro rapporto potrebbe evolversi tra 4, 10 e 20 anni.

Una richiesta di matrimonio la mattina appena svegli, ancora nel letto, ancora un po’ assonnati e con la faccia stropicciata. Una richiesta “Ma quando hai capito che volevi sposarmi?” e una risposta dolcissima e sincera. Empatica come può essere la quotidianità di tutti noi.

Un salto a 10 anni più tardi, con un figlio nell’età delle domande impossibili, che pone la più temuta di sempre: “Papà, come nascono i bambini?” Nulla in confronto a qualche anno più tardi, quando il figlio è adolescente e la musica per lui non è mai troppo alta.

Basta uno scrocchio di dita per tornare alla realtà. Al proprio presente. Ma nessun rimpianto. Nonostante tutto, il presente deve essere vissuto giorno dopo giorno, con tutta la speranza di un futuro stupendo.

Ma ogni momento va goduto per quello che è. Questo vuole essere il messaggio. Il messaggio di vivere la propria casa, di assaporarne ogni attimo, di lasciarsi sorprendere dall’entusiasmo del futuro.

Cosa c’è di più bello dell’imprevedibilità di ogni giorno?!

Viverla in una casa moderna e accogliente, come quelle che da anni ormai ci fanno sognare semplicemente sfogliando il catalogo Ikea.