diredonna network
logo
Stai leggendo: Moschino: La Moda Nel 2015 È “Barbie”

Starbucks sbarca in Italia e trasforma piazza Duomo così, con palme e banani

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Animalier: dal leopardato al maculato, come indossare la tendenza urban jungle!

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Moschino: La Moda Nel 2015 È "Barbie"

Il ritorno della Barbie. Alla Fashion Week Milanese Moschino stupisce tutti con una collezione che pare essere firmata dalla Mattel. La rivincita delle Bionde ora fa moda. Ecco perchè a noi piace, nonostante le critiche dei più famosi blogger.
(foto: Web)

Sono un paio di stagioni che la collezione di Moschino diventa un caso subito dopo la presentazione.

La cultura Pop rimane sempre alla base. Che poi, nessuna novità, semplicemente un ben studiato ritorno alla filosofia di Warhol e della Factory.

Dopo McDonald’s e Spongebob, questa volta le passerelle di Moschino, con abiti firmati Jeremy Scott, si tingono di rosa.

Sulle note di Barbie Girl si è aperta la sfilata p/e 2015 e chi era alla fashion week ha potuto assistere ad un tripudio di glitter, tubini colorati, tailleur scollati e abitini corti, in puro stile Barbie, appunto.

Borse a forma di scarpe, Specchio Cover per iPhone con logo type Mattel, pochette a forma di cuore e capelli cotonati, meglio se biondo platino.

Un inno alla Barbie, la bambola più amata degli anni ’80 e ’90, dalle forme perfette, casa perfetta e chiaramente un uomo perfetto al suo fianco.

(Foto: Web)

È stato come ripescarla da un vecchio cassetto, aver tolto la polvere con un soffio, e pettinato la sua lunga chioma.

In molti criticano le scelte di Scott, io invece le trovo geniali, figlie del tempo che viviamo.

Quello del consumismo e del fast food, ma anche della nostalgia dei tempi che furono.

Tutto ciò che è stato acquista fascino.

In fondo gli hipster e intellettuali vari, che urlano al plastico, che osannano il minimal, dovrebbero ricordarsi che il revival e l’amore per il tempo che fu, è ciò che Woody Allen ha raccontato benissimo in un film come Midnight in Paris.

(foto: Web)

E il ricordo di chi ora ha in mano il mondo e il suo futuro è targato anni ’80/’90.

Trovo che una collezione completa come quella di Scott per Moschino sia un lavoro incredibile e coerente.

Un gioco che però potrebbe benissimo adattarsi alla vita quotidiana con abitini dai maxi pois, zainetti e secchielli in pelle trapuntata e un tripudio di glitter.

Barbie torna a far tendenza e non cadiamo nei soliti clichè pseudo- femministi.

Si può essere donne vere anche con una giacca rosa  e tacco 13.

Elle Woods è già icona.