diredonna network
logo
Stai leggendo: Sosan Firooz è la prima donna rapper afgana.

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Sosan Firooz è la prima donna rapper afgana.

Si chiama Sosan Firooz, ha 23 anni e viene da Kabul, la prima donna rapper afgana. Combattiva e fiduciosa, sfida le imposizioni della sua cultura credendo in un futuro migliore. Su youtube il suo primo singolo “Our Neighbours” dove si mostra senza veli.

Per le donne non è facile nascere e crescere in Afghanistan, dove si festeggia la nascita di un figlio maschio ma non quella della femmina. Anzi, le donne sono considerate stupide a priori (naqis-e-aql) e il termine donna viene usato come un’offesa. Considerate al pari della terra, della casa o del bestiame, e quindi utili solo per scambi economici, vivono recluse in casa (purdah).

Ma qualcosa si sta muovendo e capita spesso di leggere notizie di ribellione o di donne che nonostante siano intrappolate in un sistema culturale che non le protegge, riescono a imporsi. E se per l’occidente, cantare le proprie emozioni è banale, Sosan Firooz, 23 anni ha sfidato se stessa e gli altri, diventando la prima cantante rapper donna afgana.

Su Youtube si può vedere il suo primo video “Our Neighbours”, cantato in dari. In un paese dove le donne di spettacolo sono malviste e spesso purtroppo anche vittime di violenza, il video di Sosan, la sua sfrontatezza nel mostrarsi senza velo e con abiti occidentali, ha dato subito scandalo. Canta temi sociali, come è solito nel rap, denunciando la repressione nei confronti delle donne e la situazione di crisi politica.

“Cantare di questioni delicate ma reali, mi aiuta a credere ancora in un futuro migliore e a scaricare la rabbia che provo dentro di me” racconta la giovane “ma non voglio andarmene da qui. Voglio cercare di vivere al meglio nella mia patria, sono fiduciosa e spero in una rinascita, anche culturale, dell’Afghanistan”