diredonna network
logo
Stai leggendo: Gaza: Garnier Shock, Ecco Le Reazioni Del Web

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Gaza: Garnier Shock, Ecco Le Reazioni Del Web

Garnier shock: la ditta di cosmetici francese invia prodotti di bellezza alle militari israeliane. E l'opinione pubblica si scalda.
(foto: Il Fatto Quotidiano)

Una notizia che parte da Al Jazeera e viene tradotta in primis dalla famosa testata giornalistica de “Il Fatto Quotidiano”.

Proprio per questo motivo è difficile parlare di bufala. Nessun “Lercio”, nessun “Alterivista.org”.

Per Il Fatto Quotidiano ci lavorano giornalisti come Marco Travaglio, le firme sono decisamente troppo importanti per poter rischiare di diffondere una notizia non vera.

Per lo stesso motivo abbiamo deciso anche noi di raccontarvi quest’azione pubblicitaria che ha lasciato tutti senza parole.

Il marchio francese Garnier pare aver donato al reparto femminile dell’esercito di Tel Aviv deodoranti, shampoo, prodotti per l’igiene, con la scusante di potersi viziare anche durante la guerra.

Regali che hanno scosso l’opinione pubblica e generato grande sdegno anche sul web.

Il gruppo su Facebook “Stand with Us”, a supporto di Israele, ha pubblicato le foto delle soldatesse israeliane con i prodotti inviati da Garnier Israel.

Le fotografie postate sono state accompagnate da parole di ringraziamento nei confronti della ditta francese.

Il post è diventato virale in pochissimo tempo, con 10.000 commenti e oltre, tutti imbarazzati dal gesto della Garnier:

“Saponi per pulire mani sporche del sangue dei cittadini di Gaza”.
“Meglio preoccuparsi di donare prodotti di bellezza all’esercito o cibo e acqua ai civili palestinesi?”

“Invece di farsi belle, le donne israeliane e palestinesi dovrebbero parlare attorno a un tavolo”

Il post sulla pagine dell’ong israeliana invita addirittura a donare i propri prodotti di bellezza alle donne tra le fila di Netanyahbu.

La protesta chiede il boicottaggio dei prodotti Garnier, dalla quale ora si attende una risposta e, si spera, una smentita.