diredonna network
logo
Stai leggendo: Tutto Quello Che Devi Sapere Prima Di Portare Il Tuo Cane Al Mare

Quest'uomo ha "acquistato" un cane in vendita in una borsa

Cacciata dalla piscina per il costume che indossa, il fidanzato si sfoga su Facebook

"Cosa mi ha insegnato il suicidio di mia mamma"

Da Chiara Ferragni a Mila Kunis: brutta bestia l'invidia dei frustrati

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Giurarsi amore eterno con gli anelli con le impronte digitali

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Tutto Quello Che Devi Sapere Prima Di Portare Il Tuo Cane Al Mare

Consigli di viaggio: come organizzare la vacanza perfetta per i tuoi amici a 4 zampe
(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Costumi, cappelli di paglia, crema solare, pareo e tanta voglia di divertirsi. La valigia è pronta, l’umore è alle stelle, e nell’aria si respira quella frizzante e rilassata atmosfera pre-ferie. Non manca proprio nulla!

Quest’anno poi, sei al settimo cielo. In vacanza con te verrà anche il cucciolo di casa e la cosa ti rende euforica.

Partire con il tuo cagnolino è qualcosa che hai sempre voluto fare.

Non vedi l’ora di divertirti facendo lunghe passeggiate  in riva al mare al tramonto con lui al tuo fianco. Non vedi l’ora di dimostrare ai tuoi vicini di ombrellone quanto è affettuoso e docile.

Inoltre non solo non soffrirai la sua mancanza (cuore di mamma!), ma soprattutto non verrai tormentata dall’ansia di sapere che si trova a troppi chilometri da te, affidato a qualcuno che conosci poco o non conosci affatto, e dal pensiero che “avresti potuto portarlo con te”.

Tutti pensieri legittimi e comprensibili.

Chi ama gli animali e ne possiede uno, sa bene quanto sia difficile separarsi da loro.

Tuttavia non possiamo non tener conto che il nostro ideale di vacanza spesso non coincide con quello del nostro amatissimo Fido.

Se decidiamo di portare in vacanza con noi il nostro amico a quattro zampe è fondamentale organizzare per tempo una vacanza a misura di cucciolo.

Prima che le vostre ferie abbiano inizio, dovrete rivedere i vostri piani e adattarli con le esigenze del vostro animali domestico.  Un po’ come una vacanza di coppia, per divertirsi e rilassarsi insieme, bisogna accontentare i gusti di entrambi gli innamorati.

Dalle spiagge free-dog agli hotel, dalla valigia alla cuccia del vostro cagnolino, in questo vademecum troverete tutti i consigli per una vacanza “canina” da sogno!

1. La valigia canina

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Il bagaglio del nostro cane non sarà grande quanto il nostro, ma deve contenere tutto il necessario per il suo benessere in vacanza.

Portate con voi tutti gli oggetti e i giochini che usa quotidianamente.

Giunto nel nuovo alloggio, si sentirà “come a casa”, grazie alla presenza delle cose che vede e usa quotidianamente.

Fondamentale che portiate con voi la sua ciotola e il suo cibo.

Durante le vacanze è decisamente “pericoloso” modificare il tipo di alimentazione di un cane.

Non dimenticate a casa le sue medicine e tutto ciò che usate quotidianamente per la sua cura.

Altrettanto importanti sono collare, guinzaglio e museruola: ricordate che in alcuni contesti sono obbligatori!

2. Viaggi in auto

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Scegliere il mezzo di trasporto con cui porteremo in vacanza il nostro cane è un passo fondamentale per la riuscita del viaggio.

Tenete presente che a meno che non sia un vacanziere incallito, difficilmente un cane ha viaggiato su un mezzo diverso dalle proprie zampette.

Se partirete in auto, verificate nei tempi giusti che il cane riesca a tollerare il viaggio in auto per un lungo periodo.

Nei giorni precedenti alla partenza portatelo in giro in auto, al parco, in spiaggia, o in luogo in cui potrà sentirsi libero di scorrazzare, assocerà il viaggio in auto ad un’esperienza positiva.

Fate in modo che il cane non mangi nelle ore precedenti al viaggio per evitare spiacevoli inconvenienti.

E non dimenticate di concedervi lunghe soste durante il tragitto che gli permettano di fare i bisognini e sgranchirsi le zampe.

Se viaggerete in un’auto a noleggio informatevi in anticipo se l’agenzia permette ai cani di salire a bordo.

3. Aerei e treni

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Difficilmente i cani di media e grande taglia possono viaggiare in treno o in aereo con noi.

Alcune compagnie permettono di imbarcare in stiva nell’apposito gabbia i cani più grandi.

Ma il viaggio in stiva non si prospetta come un’esperienza allettante per nessun cucciolone.

Qualora l’imbarco in stiva fosse necessario, non dimenticate di allontanare ogni oggetto che potrebbe far male al cane, come il collare o giocattoli poco sicuri.

Un osso di gomma o il suo cuscino preferito, invece, potrebbero alleviare la noia di un viaggio lungo.

Se il cane è invece di piccola taglia basterà porlo dentro il trasportino, così da tenerlo con voi sia in treno che in aereo.

Assicuratevi però che sia in grado di sostenere un viaggio di lunga durata senza fare i propri bisogni in uno spazio ristretto.

Ricordate inoltre che alcune compagnie aeree non tollerano la presenza di animali nè in stiva nè in cabina.

4. Hotel e spiagge

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Così come per gli aerei, è bene informarsi con il giusto anticipo se l’albergo e gli stabilimenti balneari dove ci recheremo accettano la presenza di animali a quattro zampe.

Esistono alberghi attrezzatissimi, con dog-sitter nello staff, e in grado di fornirvi informazioni dog-friendly, sui  locali dove mangiare, i ritrovi “canini”, ecc…

Meglio saperlo in anticipo però, non vorrete che il vostro cagnolino si trovi davanti l’odioso adesivo “qui non posso entrare”.

Se andate al mare consultate le ordinanze comunali in merito all’accesso dei cani in spiaggia.

In Italia non esiste una legislazione nazionale in materia. Anche all’estero la situazione non è univoca: in alcune spiagge sareste liberi di accompagnarvi con il vostro Fido, in altre rischiate di essere multati!

Sui siti specializzati è facile trovare gli elenchi aggiornati delle spiagge e delle strutture ricettive aperte ai cagnolini!

 5. Esplorare il territorio

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Giunti nella camera del vostro hotel o nella casa al mare che avete affittato, il cane per la prima volta varcherà le soglie di un nuovo territorio da esplorare.

In questa fase siate mostro decise e assertive.

Entrate voi per prime e impedite al cane di girare liberamente come se prendesse dominio del territorio.

Impeditegli di marcare gli spazi con la tradizionale pipì negli angoli. Dovrete guidarlo alla scoperta dei nuovi spazi e indicargli i posti in cui può fare o meno i bisogni.

Ricordate che essere  lontano da casa significa un sacco di cose nuove, odori, suoni, per il vostro cane.

Assicuratevi che in giro non ci sia nulla che possa far male al vostro cane, anche solo perché potrebbe ingerirlo! 

6. Posto nuovo vecchie abitudini

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

I ritmi quotidiani in vacanza vengono totalmente stravolti.

Si va a letto tardi e ci si sveglia ad orari inconsueti, si mangia in modo diverso e si svolgono attività tipicamente estive.

Questo vale per gli uomini, ma non per gli animali!

Lo stile di vita di un cane durante le vacanze non può cambiare radicalmente.

Mantenete stabili i suoi orari, quelli in cui li portate fuori, quelli in cui date loro da mangiare, ecc…

Se queste abitudini venissero in qualche modo alterate, “tornare alla normalità”, dopo le vacanze diventerebbe faticoso e difficile per i cani e per i padroni.

7. La presenza della padroncina

(Foto Weheartit)
(Foto Weheartit)

Lontane dal lavoro o dai libri, sarete entusiaste di trascorrere tanto tempo con il vostro cucciolino.

Ottimo per la vostra emotività, non per quella di Fido (o Fuffy?).

I cani non sono abituati a trascorrere tanto tempo con il padrone e vedervi tutto il giorno durante le vacanze potrebbe turbarli. Inoltre una volta tornati a casa, soffrirebbero di carenza di attenzione.

Come risolvere questo inconveniente?

Trattateli esattamente come se foste a casa, uscite senza di loro, lasciateli girellare per la stanza, puniteli quando serve e non eccedete con le coccole, avete tutto l’inverno a disposizione per viziarlo!