diredonna network
logo
Stai leggendo: Perù: confessa tradimento in diretta tv, il fidanzato la uccide! (VIDEO)

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Perù: confessa tradimento in diretta tv, il fidanzato la uccide! (VIDEO)

In Perù va in onda un reality show chiamato "Il valore della verità" che funziona con un semplice meccanismo: il concorrete è legato ad una sedia e collegato ad una macchina della verità; qui deve rispondere a 21 domande imbarazzanti onestamente, altrimenti il montepremi finale di circa 15mila euro continuerebbe a scendere per ogni informazione falsa fornita.

Nella puntata andata in onda lo scorso 7 luglio la concorrente era Ruth Thalìa Sayas, una ragazza di 19 anni. Lo show sì è svolto come di consueto e, tra le domande poste alla ragazza, le è stato chiesto se lavorasse in un locale notturno come ballerina e se avesse mai guadagnato denaro facendo sesso. Risposta esatta in entrambi i casi: sì.

La disperazione del fidanzato, presente in studio, era evidente sul suo volto e nemmeno i parenti sembravano troppo contenti. La ragazza quella sera ha portato a casa circa 5000 euro ma al fidanzato proprio non è andata giù la vicenda.
Il giorno seguente la ragazza scompare e, ancor prima che le indagini possano prendere il via, il fidanzato si reca alla polizia e confessa di averla uccisa e sepolta. Seduta stante viene ammanettato, insieme allo zio, accusato di averlo spinto all’omicidio e di aver rubato i soldi vinti dalla ragazza.