diredonna network
logo
Stai leggendo: 7 Modi Per Capire Quando È Meglio Smettere di Litigare Con Lui

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

"Ieri mi ha detto che sono bellissima": la lettera della moglie malata al marito

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

7 Modi Per Capire Quando È Meglio Smettere di Litigare Con Lui

Non sempre si litiga inutilmente. A volte ci sono litigi che portano a migliorarsi, ma altre volte, invece, litigare aumenta solo le incomprensioni e il rischio di rottura definitiva. Ecco quando è meglio evitare la discussione.
(foto: Web)

È molto, molto difficile capire quando un litigio può essere positivo e portare a miglioramenti oppure è malsano per la relazione oltre che per le persone, prese singolarmente.

Se i litigi positivi aiutano a chiarire situazioni e sistemano ciò che non va, gli altri danneggiano e distruggono anche il buono che vi circonda.

Litigi banali e frequenti evidenziano un’incapacità di comunicazione all’interno della coppia.

Se entrambi consentissero alle reali emozioni di uscire, sicuramente il rapporto si intensificherebbe senza orgoglio, prese di posizioni inutili e lune.

Fin troppe coppie che conoscono sprecano energia in litigi quando potrebbero utilizzare la stessa forza per qualcosa di costruttivo per entrambi.

Ecco quando riconoscere, e quindi eliminare, i litigi che altro non portano che malumori e allontanamenti di ogni genere.

1 – Non si vuole davvero ascoltare

(foto: Web)

Questo è il primo e inconfutabile segnale.

Quando non si vuole ascoltare ciò che dice il partner, vuol dire che il litigio è già sterile a priori.

La comunicazione è l’elemento centrale delle relazioni sane.

La comunicazione inoltre è anche l’unico modo per poter risolvere qualsiasi diatriba.

Bisogna ascoltare, mettere da parte l’orgoglio e provare a ragionare anche con la testa degli altri.

Se si ignora ciò che il partner desidera, allora è meglio vivere da soli.

2 – Vuoi avere sempre ragione

(foto: Web)

Un costante desiderio di vincere, in qualsiasi momento e qualsiasi sia la discussione, è un altro segno che gli argomenti per i quali si sta discutendo tenderanno semplicemente a rovinarvi.

Il bisogno di avere sempre ragione ti porta a comportarti in modo aggressivo, perdendo il senso della realtà.

Di conseguenza l’altra persone si sente attaccata e la discussione non può fare altro che intensificarsi.

Se vuoi sempre e a tutti i costi dimostrare quanto sei brava e intelligente, il partner si sentirà sottovalutato e non ascoltato.

3 – Rabbia incontrollabile

(foto: Web)

Con tutti i mezzi possibili, è necessario comandare la rabbia mentre si discute con il partner.

In caso contrario si potrebbe anche dire qualcosa di troppo che farà pentire in seguito.

La rabbia è un sentimento distruttivo che non porta mai a nulla di buono.

Per evitare l’ira è indispensabile tenere a mente il fulcro della discussione senza rivangare il passato.

Se non riuscite proprio a gestirvi, vi conviene scusarvi in anticipo e uscire a prendere una boccata d’aria.

Un giretto in solitaria con un po’ di buona musica nelle orecchie è un toccasana incredibile.

4 – Prolungare i litigi

(foto: Web)

Se discutete sempre e perennemente delle stesse cose, forse dovreste cercare un approccio diverso. Il vostro rapporto in questo caso è a rischio.

Accade spesso che vecchi problemi del passato tornino a farsi sentire, ma sicuramente anche il vostro partner sarà stanco di dover sentir le stesse cose, le stesse lamentele, ogni volta.

Il passato non si può cambiare e per non dargli troppa importanza bisogna ignorarlo.
Spesso perdonare è la via più dolorosa ma che porta al bene.

5 – Si fanno monologhi

(foto: Web)

Quando si discute si è solitamente in due e questa cosa va rispettata.

Bisogna parlare e sfogarsi, sicuramente, ma anche ascoltare. Ci sono turni da rispettare.

In questo modo potrete entrambi avere l’opportunità di spiegarvi.

Se sei molto emotiva e irascibile cerca comunque di andare incontro al tuo partner, se lo ami davvero.

6 – Mai rimandare il litigio

 

(foto: Web)

Se il conflitto è causato da problemi gravi e complessi, bisogna accettare il fatto che ogni persona è diversa e non si può sempre essere d’accordo su tutto.

Se non siete in grado di gestire la situazione, cercate il sostegno di amici, parenti o un terapista di coppia.

Sicuramente avrete altre visioni obiettive e ciò gioverà tantissimo alla vostra coppia.

7 – Alzare la voce

 

(foto: Web)

Alzare la voce non serve davvero a nulla.

Bisogna prendersi le proprie responsabilità e cercare di parlarne in modo maturo.

Alzare il tono di voce e diventare aggressivi porta solo ad aumentare le incomprensioni.

Far sentire in colpa o stupido il partner non vi porterà da nessuna parte.