diredonna network
logo
Stai leggendo: Dopo aver fatto sesso con tre uomini se ne pente e li accusa di stupro!

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Dopo aver fatto sesso con tre uomini se ne pente e li accusa di stupro!

Una donna che ha urlato allo stupro perché si è pentita di aver preso parte ad un'orgia con tre uomini mentre era ubriaca, è stata condannata a due anni di carcere per aver mentito ostacolando la giustizia.

Rosie Dodd, 20 anni, è uscita a bere e ha conosciuto tre uomini rispettivamente di 25, 23 e 21 anni con i quali ha iniziato a fare la gatta morta.

Ha fatto sesso con ciascuno di loro, uno dopo l’altro, ma una volta finito a rivelato a un’amica di sentirsi in colpa e così è andata alla polizia dicendo di essere stata stuprata.

Gli uomini, due dei quali studenti, hanno così dovuto vivere un incubo che ha coinvolto esami “intimi” e 50 ore rinchiusi in cella prima che la polizia si rendesse conto delle incoerenze nel racconto della ragazza.

Rosie, alla fine, ha così ammesso di essersi inventata lo stupro e che il rapporto era in realtà consensuale.

La detective Gina Farrell, che si è occupata del caso, ha dichiarato quanto segue:

Prendiamo ogni segnalazione di stupro e aggressione sessuale molto sul serio, proprio come abbiamo fatto in questo caso. Ma era evidente che ci fossero delle incongruenze nel racconto della ragazza. La ragazza non ha mai mostrato un briciolo di rimorso per quello che ha fatto passare al trio ingiustamente accusato di violenza sessuale”