diredonna network
logo
Stai leggendo: Dopo aver fatto sesso con tre uomini se ne pente e li accusa di stupro!

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Dopo aver fatto sesso con tre uomini se ne pente e li accusa di stupro!

Una donna che ha urlato allo stupro perché si è pentita di aver preso parte ad un'orgia con tre uomini mentre era ubriaca, è stata condannata a due anni di carcere per aver mentito ostacolando la giustizia.

Rosie Dodd, 20 anni, è uscita a bere e ha conosciuto tre uomini rispettivamente di 25, 23 e 21 anni con i quali ha iniziato a fare la gatta morta.

Ha fatto sesso con ciascuno di loro, uno dopo l’altro, ma una volta finito a rivelato a un’amica di sentirsi in colpa e così è andata alla polizia dicendo di essere stata stuprata.

Gli uomini, due dei quali studenti, hanno così dovuto vivere un incubo che ha coinvolto esami “intimi” e 50 ore rinchiusi in cella prima che la polizia si rendesse conto delle incoerenze nel racconto della ragazza.

Rosie, alla fine, ha così ammesso di essersi inventata lo stupro e che il rapporto era in realtà consensuale.

La detective Gina Farrell, che si è occupata del caso, ha dichiarato quanto segue:

Prendiamo ogni segnalazione di stupro e aggressione sessuale molto sul serio, proprio come abbiamo fatto in questo caso. Ma era evidente che ci fossero delle incongruenze nel racconto della ragazza. La ragazza non ha mai mostrato un briciolo di rimorso per quello che ha fatto passare al trio ingiustamente accusato di violenza sessuale”