diredonna network
logo
Stai leggendo: Sardegna Golfo di Orosei: dove la natura regna sovrana

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

5 modi per avere vestiti nuovi senza spendere un capitale

Perché questo abito di Primark è in vendita su Ebay al doppio del suo prezzo

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Sardegna Golfo di Orosei: dove la natura regna sovrana

Se non siete tipi da villaggio turistico, vi piace la natura incontaminata e andare in giro in cerca di nuovi scorci allora questa idea può fare al caso vostro. Quando si parla di Sardegna ci vengono solitamente in mente i posti più conosciuti, come La Maddalena, Porto Torres, Sant'Antioco e tanti altri; qui invece vi propongo la zona dell'Ogliastra, situata lungo il versante orientale della Sardegna, compresa tra le cime del Gennargentu e il Mar Tirreno.

Il Golfo di Orosei è sicuramente uno dei luoghi più spettacolari di tutta la regione, le rocce della montagna si uniscono al mare dando vita a piccole calette fatte di sassolini bianchi e lisci come il riso, l’acqua è cristallina e con mille sfumature: Cala Goloritzè,Cala Luna, Cala Mariolu, Cala Gonone sono i nomi di alcune di queste spiaggette e che sono raggiungibili solo via mare ma se non avete un motoscafo non temete, ci sono svariate motonavi che organizzano escursioni e fanno sosta in questi angoli di paradiso. Da non perdere sono anche le grotte del Fico e del Bue Marino: la guida vi porterà nel cuore della montagna dove stalattiti e stalagmiti si intrecciano e prendono forma in uno spettacolo davvero suggestivo.

Scendendo più a sud arriviamo ad Arbatax, Tortolì e Gairo: anche qui non mancano splendide spiagge come quella del Lido di Orri con i suoi sassi grigi e arrotondati che sembrano quasi di plastica; a distanza di pochi chilometri un panorama ancora diverso si offre ai nostri occhi: Perd’e Pera e Cala e Luas, insenature di sabbia marrone e rocce rosse appuntite e frastagliate dove ritagliarsi un angolo di tranquillità in un luogo ancora poco turistico. Questa regione non è solo mare, perché una visita la meritano anche i tanti siti archeologici che gelosamente custodiscono i Nuraghe, costruzioni granitiche e lastre di pietra sapientemente incastonate dagli allora abitanti di questi antichi villaggi.

Non meno spettacolari le Piscine Naturali (Is Piscinas) che si trovano sul Monte Ferru: qui, seguendo un sentiero di montagna, potrete ammirare le numerose cascate che scendono da rocce di porfido rosso e che formano tante piccole piscine in cui poter fare un bagno immersi nei rumori e nei profumi della natura. Descrivere a parole questi paesaggi non è semplice ma per esperienza personale vi garantisco che ne vale veramente la pena una visita di persona.