diredonna network
logo
Stai leggendo: Sardegna Golfo di Orosei: dove la natura regna sovrana

10 luoghi misteriosi da non perdere in Italia

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

I tweet scioccanti dell'ex ragazzo della terza C

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

Sardegna Golfo di Orosei: dove la natura regna sovrana

Se non siete tipi da villaggio turistico, vi piace la natura incontaminata e andare in giro in cerca di nuovi scorci allora questa idea può fare al caso vostro. Quando si parla di Sardegna ci vengono solitamente in mente i posti più conosciuti, come La Maddalena, Porto Torres, Sant'Antioco e tanti altri; qui invece vi propongo la zona dell'Ogliastra, situata lungo il versante orientale della Sardegna, compresa tra le cime del Gennargentu e il Mar Tirreno.

Il Golfo di Orosei è sicuramente uno dei luoghi più spettacolari di tutta la regione, le rocce della montagna si uniscono al mare dando vita a piccole calette fatte di sassolini bianchi e lisci come il riso, l’acqua è cristallina e con mille sfumature: Cala Goloritzè,Cala Luna, Cala Mariolu, Cala Gonone sono i nomi di alcune di queste spiaggette e che sono raggiungibili solo via mare ma se non avete un motoscafo non temete, ci sono svariate motonavi che organizzano escursioni e fanno sosta in questi angoli di paradiso. Da non perdere sono anche le grotte del Fico e del Bue Marino: la guida vi porterà nel cuore della montagna dove stalattiti e stalagmiti si intrecciano e prendono forma in uno spettacolo davvero suggestivo.

Scendendo più a sud arriviamo ad Arbatax, Tortolì e Gairo: anche qui non mancano splendide spiagge come quella del Lido di Orri con i suoi sassi grigi e arrotondati che sembrano quasi di plastica; a distanza di pochi chilometri un panorama ancora diverso si offre ai nostri occhi: Perd’e Pera e Cala e Luas, insenature di sabbia marrone e rocce rosse appuntite e frastagliate dove ritagliarsi un angolo di tranquillità in un luogo ancora poco turistico. Questa regione non è solo mare, perché una visita la meritano anche i tanti siti archeologici che gelosamente custodiscono i Nuraghe, costruzioni granitiche e lastre di pietra sapientemente incastonate dagli allora abitanti di questi antichi villaggi.

Non meno spettacolari le Piscine Naturali (Is Piscinas) che si trovano sul Monte Ferru: qui, seguendo un sentiero di montagna, potrete ammirare le numerose cascate che scendono da rocce di porfido rosso e che formano tante piccole piscine in cui poter fare un bagno immersi nei rumori e nei profumi della natura. Descrivere a parole questi paesaggi non è semplice ma per esperienza personale vi garantisco che ne vale veramente la pena una visita di persona.