diredonna network
logo
Stai leggendo: 7 Consigli Per Essere Più Felici Ed Amare Il Proprio (Odiato) Lavoro

Cacciata dalla piscina per il costume che indossa, il fidanzato si sfoga su Facebook

"Cosa mi ha insegnato il suicidio di mia mamma"

Da Chiara Ferragni a Mila Kunis: brutta bestia l'invidia dei frustrati

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Giurarsi amore eterno con gli anelli con le impronte digitali

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

7 Consigli Per Essere Più Felici Ed Amare Il Proprio (Odiato) Lavoro

Essere più felici sul posto di lavoro è semplice seguendo queste piccole regole da applicare ogni giorno quando si entra in ufficio. Provarci non costa nulla e siamo sicuri che partirete, con entusiasmo, dal punto 1!
(foto:Web)
(foto:Web)

È vero, di questi tempi bisognerebbe essere solo che grati ad avere un lavoro, ma proprio perchè la crisi incombe pesantemente sulle nostre teste giorno dopo giorno, spesso andare al lavoro è diventato frustrante, con ritmi sempre più veloci e stipendi più bassi.


A prescindere da tutto questo, chi ha un lavoro da molti anni, magari un lavoro amministrativo o di fabbrica, dopo tanto tempo si sente stanco nel dover eseguire ogni giorno le stesse operazioni e rischia di essere poco produttivo, aspettando solamente che arrivi il venerdì per poter staccare la testa per tutto il week_end.
Non è facile insomma, ma esistono alcune semplici regole che aiutano a ritrovare la carica giusta per affrontare una giornata lavorativa ed essere sereni e soddisfatti del proprio lavoro.

7- Iniziare con la giusta mentalità

(foto:Web)
(foto:Web)

Innanzitutto, per essere felici sul lavoro, bisogna semplicemente scegliere di essere felici.

Proprio così, spesso la felicità è più una questione di scelta che di fortuna.

Per essere allegri e soddisfatti bisogna trovare qualcosa di positivo anche nelle cose più piccole della vita.

Il segreto è quello di pensare sempre in modo ottimista e di non lasciare che le incombenze esterne della vita rovinino il vostro umore e questo atteggiamento.

6- Addio negatività

(foto:Web)
(foto:Web)

Quanti di voi hanno colleghi palesemente pessimisti che si lamentano sempre di tutto?!

Anche quando non dovrebbero?!?! Essere circondati da persone negative e lamentose non solo fa male alla nostra saluta, ma risucchiano tutta la nostra energia e positività.

Queste persone sono, nel possibile, da evitare come la peste.

Via quindi dai pettegolezzi, dalle conversazioni maligne, dagli infelici che cercano di buttare veleno sugli altri attraverso il loro atteggiamento. Come se fossero gli unici al mondo ad avere problemi.

Anche gli ottimisti più convinti possono essere negativamente influenzati da questi soggetti.

5- Siate grati per quello che avete!

(foto:Web)
(foto:Web)

Nel lavoro, come nella vita, non bisogna mai sottovalutare la possibilità di essere grati e riconoscenti alle persone che ci circondano.

Ringraziare il capo o il collega che è stato di aiuto in una particolare situazione non è solo una questione di rispetto e di galateo, ma anche una questione di benessere mentale.

Quando si è gentili con le persone, loro saranno più propense ad esserlo poi con voi e vi sentirete soddisfatti.

Non abbiate paura di lasciarvi andare a complimenti quando li pensate sul serio. Essere grati per ogni piccola cosa che gli altri fanno per voi vi renderà sicuramente più sereni!

4- Conosci il tuo limite

(foto:Web)
(foto:Web)

Non sentirti in colpa se hai un limite oltre al quale la tua sopportazione non può reggere.

Anche le persone più tranquille di questo mondo ne hanno uno e quando viene superato si è portati a tirar fuori il peggio del proprio carattere.

Conoscendo il proprio limite si possono evitare più semplicemente delle situazioni frustranti e malumori.

Essere “umani” non è una colpa!!!

3- Sii gentile con il tuo superiore

(foto:Web)
(foto:Web)

Esiste una grande differenza tra essere adulatori ed essere invece gentili e rispettosi.

Se, giustamente, non vuoi far parte della schiera dei leccapiedi, puoi comunque trattare il tuo capo con gentilezza e ottenere risultati migliori.

È fondamentale aumentare le aspettative del proprio superiore, e favorire in questo modo sia bonus che aumenti di stipendio.

Essere felici e appagati sarà più semplice se anche il vostro capo si sente apprezzato e rispettato.

Nessuno è immune alla gentilezza genuina e senza “interesse!”, nemmeno i boss dal carattere più duro.

2- Iniziate la vostra giornata di lavoro con il compito che odiate di più

(foto:Web)
(foto:Web)

Una regola che mia madre mi ha insegnato anche a scuola: prima i compiti di matematica e poi i disegni.

Ognuno di noi ha dei compiti che odia di più.

Per essere più felici sul posto di lavoro bisogna iniziare sempre la giornata con il compito più fastidioso.

Quando devi svolgere qualcosa che non ti piace, è una naturale tendenza a rinviare tale progetto il più a lungo possibile.

Il tutto però crea solo ulteriore attesa e ansia, perchè siamo consapevoli che il compito dovrà essere affrontato prima o poi.

Eseguire prima ciò che non ci piace privilegia i nostri obbiettivi e a fine giornata aumenta il buonumore. Un po’ come il dessert a fine pranzo!!

1- Circondati di cose belle

(foto:Web)
(foto:Web)

Rendere l’ufficio un posto piacevole è importantissimo.

Basta una fotografia di una persona a noi cara, un po’ di fiori che fanno subito primavera (nonostante fuori stia arrivando l’ennesimo temporale), un soprammobile simpatico comprato durante le vacanze.

Qualsiasi cosa che vi riporti alla mente pensieri positivi, migliorerà nettamente il vostro umore durante la giornata, come l’arcobaleno dopo la pioggia.

Ridere contrasta la rabbia e la frustrazione.

Ogni lavoro ha il suo lato positivo, basta solo coglierlo e renderlo proprio.