diredonna network
logo
Stai leggendo: Prova Costume: quando le pubblicità sono un Fake

Come sapere se qualcuno smette di seguirti su Facebook, Twitter o Instagram

La lettera di addio alla moglie che non c'è più: "'Stirerò', dicesti. Non l'hai mai fatto ma sei stata la mia vita"

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Prova Costume: quando le pubblicità sono un Fake

Pubblicità ingannevoli: ecco come una ragazza denuncia le decine di annunci che invadono la home di facebook quotidianamente.
(foto:Web)

Pubblicità ingannevoli.
Cambiamenti promessi con pochi sforzi e in breve tempo.
Non voglio fare di tutta l’erba un fascio, ma la maggior parte di questi miracoli sono semplicemente dei falsi incredibili.
L’Huffington Post ha pubblicato questa fotografia per denunciare la cosa:

(foto:Web)

“Annuncio per tutti quelli che, come me, sono ansiosi in vista della prossima prova costume: ricordatevi che le pubblicità di prodotti che promettono facili dimagrimenti su Facebook non sono credibili. Mi sono fotografata nel giro di 30 minuti usando costumi diversi e accorgimenti strategici“.

Queste le parole della ragazza in fotografia.

Costume più adatto alle sue forme, capelli sciolti, postura eretta, posizione delle gambe a prova di camera, contrazione degli addominali e bronzer per sottolineare meglio il corpo.

“Se sono stato in grado di fare tutto questo da sola, nel mio bagno, figuratevi cosa può combinare un team di professionisti con Photoshop”.