diredonna network
logo
Stai leggendo: Scuola: arriva la nuova App che disattiva gli smartphone in classe

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Scuola: arriva la nuova App che disattiva gli smartphone in classe

Rivoluzione nel mondo scolastico: arriva un'App che disattiva gli smartphone degli studenti durante le ore di lezione.
(foto:Web)
(foto:Web)

Novità a scuola che piaceranno molto agli insegnanti e molto poco agli alunni.
Per gli insegnanti infatti sarebbe la volta buona per smettere di urlare in classe e sequestrare ogni mattina i telefonini.
Gli smartphone infatti sono i nemici numero 1 degli insegnanti durante le ore di lezione, non solo perchè distraggono con messaggini e fotografie, ma perchè grazie la connessione internet sono il sostituto eccellente dei vecchi bigliettini.

Nella provincia di Gangwon, Sud Corea, è stata brevettata e adottata iSmartkeeper, la nuova app che permette ai professori di controllare letteralmente gli smartphone dei loro alunni. Un’app che ha il potere di spegnere tutti i cellulari della classe e consentire solo le chiamate d’emergenza, disattivando tutte le altre app.
Secondo la Società Nazionale di informazione, gli adolescenti coreani hanno sviluppato un rapporto malsano con i loro telefonini, usandoli anche più di 7 ore al giorno. Questo ha portato ansia, insonnia e depressione.
Proprio come qui in Italia, dove l’utilizzo degli smartphone spesso sfocia anche in cyber_bullismo.

iSmartkeeper, che funziona con la tecnologia Geofencing, assume il controllo dei cellulari degli studenti appena varcano il portone della scuola e smette di funzionare all’uscita dall’istituto. Sarà che sono più vicina all’età degli insegnanti che a quella degli alunni, ma io la trovo un’idea assolutamente geniale.
Gli adolescenti coreani però hanno già trovato un modo per raggirare quest’app, che al momento funziona solo su dispositivi Android.
Alcuni professori particolarmente tolleranti avrebbero gridato alla violazione dei diritti dello studente.

Voi che ne pensate?!