diredonna network
logo
Stai leggendo: Alex Minsky senza una gamba è il modello più famoso del mondo

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Alex Minsky senza una gamba è il modello più famoso del mondo

La storia di Alex Minsky è un esempio di coraggio e di grande forza di volontà. Dopo aver perso una gamba per colpa di una bomba, Alex non si è arreso e ora è uno dei modelli più pagati del mondo.
(foto:Web)
(foto:Web)

1 giugno 2009, Alex Minsky si trova in missione in Afghanistan. È la terza settimana che l’uomo sta trascorrendo in guerra, per combattere nel nome della sua Patria, quando il suo fuoristrada salta in aria per colpa di una bomba.
Alex si rompe la mascella in quattro punti, il suo braccio è a pezzi e rimane senza una gamba.
Dopo 47 giorni di coma e 17 mesi di ospedale Alex decide di riprendere in mano la sua vita e lo fa nel migliore dei modi.

(foto:Web)
(foto:Web)

In modo del tutto inaspettato Alex viene contattato per una campagna di intimo maschile. Ha un fisico incredibile, un volto da bravo ragazzo e la sua protesi alla gamba è il simbolo di un attaccamento alla Nazione.
Oggi Alex Minsky è uno dei modelli più richiesti e pagati del mondo.

“Io non ho mai pensato che, dopo tutto quello che è successo, sarei potuto diventare un modello. Anche prima dell’incidente, non è mai stato uno dei miei obiettivi.”

E invece la vita prende spesso una strada incredibile e dopo la tempesta torna sempre il sole.
Per tutti. Un ottimo esempio di speranza e anche di coraggio, di amare se stessi, incluse le cicatrici che ci ricordano da dove veniamo e chi siamo.