diredonna network
logo
Stai leggendo: Bicipiti come Braccio di Ferro ma senza forza. Il curioso caso di Arlindo

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Bicipiti come Braccio di Ferro ma senza forza. Il curioso caso di Arlindo

Arlindo voleva essere l'uomo con i bicipiti più grandi del mondo. Nonostante sia riuscito nella sua impresa il suo caso è davvero curioso dato che non ha nessuna forza nelle braccia.
(foto:Web)
(foto:Web)

La storia di Arlindo De Souza è davvero particolare e sta facendo il giro del mondo.
L’uomo ha da sempre il sogno di avere dei bicipiti enormi come quelli di Braccio di Ferro e per ottenere questo risultato si è sottoposto per mesi a iniezioni a base di olio minerale e alcol.
Il sollevatore di pesi 43enne voleva diventare un bodybuilder da record, con i bicipiti più grandi del mondo. I muscoli hanno guadagnato sì incredibile volume ma nonostante le apparenze non hanno acquistato nessuna forza.

(foto:Web)
(foto:Web)

L’uomo voleva stupire gli altri sportivi che frequentano la palestra di Olinda, cittadina del nord est del Brasile. Secondo i media del Paese ci sarebbero diversi casi di sportivi che hanno ricorso allo stasso stratagemma per ottenere questi risultati.

I medici hanno immediatamente lanciando l’allarme, per paura che qualcuno potesse emulare la stupida idea di Arlindo: questo tipo di iniezioni portano alla formazione di ascessi e hanno effetti nefasti sul tessuto muscolare, provocando anche amputazione degli arti o la morte.
Tra le vittime ci sarebbe addirittura un amico stretto di Arlindo.