diredonna network
logo
Stai leggendo: Bicipiti come Braccio di Ferro ma senza forza. Il curioso caso di Arlindo

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Bicipiti come Braccio di Ferro ma senza forza. Il curioso caso di Arlindo

Arlindo voleva essere l'uomo con i bicipiti più grandi del mondo. Nonostante sia riuscito nella sua impresa il suo caso è davvero curioso dato che non ha nessuna forza nelle braccia.
(foto:Web)

La storia di Arlindo De Souza è davvero particolare e sta facendo il giro del mondo.
L’uomo ha da sempre il sogno di avere dei bicipiti enormi come quelli di Braccio di Ferro e per ottenere questo risultato si è sottoposto per mesi a iniezioni a base di olio minerale e alcol.
Il sollevatore di pesi 43enne voleva diventare un bodybuilder da record, con i bicipiti più grandi del mondo. I muscoli hanno guadagnato sì incredibile volume ma nonostante le apparenze non hanno acquistato nessuna forza.

(foto:Web)

L’uomo voleva stupire gli altri sportivi che frequentano la palestra di Olinda, cittadina del nord est del Brasile. Secondo i media del Paese ci sarebbero diversi casi di sportivi che hanno ricorso allo stasso stratagemma per ottenere questi risultati.

I medici hanno immediatamente lanciando l’allarme, per paura che qualcuno potesse emulare la stupida idea di Arlindo: questo tipo di iniezioni portano alla formazione di ascessi e hanno effetti nefasti sul tessuto muscolare, provocando anche amputazione degli arti o la morte.
Tra le vittime ci sarebbe addirittura un amico stretto di Arlindo.