diredonna network
logo
Stai leggendo: Bicipiti come Braccio di Ferro ma senza forza. Il curioso caso di Arlindo

Spora: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Muoiono insieme, mano nella mano, dopo un amore lungo 62 anni

Il dizionario dei sogni: ecco cosa vuol dire quello che hai sognato

Perché è una fortuna il fatto che i single nel mondo sono in aumento

Oroscopo dall'11 al 17 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Ricordate l'abito cult di Pretty Woman? È in vendita online

Bicipiti come Braccio di Ferro ma senza forza. Il curioso caso di Arlindo

Arlindo voleva essere l'uomo con i bicipiti più grandi del mondo. Nonostante sia riuscito nella sua impresa il suo caso è davvero curioso dato che non ha nessuna forza nelle braccia.
(foto:Web)
(foto:Web)

La storia di Arlindo De Souza è davvero particolare e sta facendo il giro del mondo.
L’uomo ha da sempre il sogno di avere dei bicipiti enormi come quelli di Braccio di Ferro e per ottenere questo risultato si è sottoposto per mesi a iniezioni a base di olio minerale e alcol.
Il sollevatore di pesi 43enne voleva diventare un bodybuilder da record, con i bicipiti più grandi del mondo. I muscoli hanno guadagnato sì incredibile volume ma nonostante le apparenze non hanno acquistato nessuna forza.

(foto:Web)
(foto:Web)

L’uomo voleva stupire gli altri sportivi che frequentano la palestra di Olinda, cittadina del nord est del Brasile. Secondo i media del Paese ci sarebbero diversi casi di sportivi che hanno ricorso allo stasso stratagemma per ottenere questi risultati.

I medici hanno immediatamente lanciando l’allarme, per paura che qualcuno potesse emulare la stupida idea di Arlindo: questo tipo di iniezioni portano alla formazione di ascessi e hanno effetti nefasti sul tessuto muscolare, provocando anche amputazione degli arti o la morte.
Tra le vittime ci sarebbe addirittura un amico stretto di Arlindo.