diredonna network
logo
Stai leggendo: Il Burlesque diventa terapeutico per accettarsi e piacersi di più

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Il Burlesque diventa terapeutico per accettarsi e piacersi di più

Il Burlesque diventa terapeutico: come amarsi e piacersi di più grazie all'arte della seduzione.
(foto:Web)

Il Burlesque, l’arte della seduzione, diventa terapeutico.
Grazie ad un’idea della psicoterapista Luana De Vita, arriva anche in Italia il psico-burlesque, un’attività che unisce la psicologia alla sofisticata attività del burlesque.
L’idea sbagliata che il burlesque fosse una sorta di soft porno è stata finalmente sdoganata e quest’arte è tornata ad essere apprezzata per le sue caratteristiche originali.
Un po’ di satira mescolata a teatro e danza ricca di ironia, il psico-burlesque unisce tutto questo con la percezione del proprio corpo, alla scoperta della propria personalità e dei desideri repressi.
Questi workshop si alternano con dei veri e propri spettacoli di burlesque con ballerine professioniste che impartiscono lezioni di movimento sensuale.

La dottoressa De Vita racconta il perchè di questa nuova esperienza tutta femminile:

“Il burlesque non vuole corpi perfetti, magri, tonici; pretende però femminilità e piacere, divertimento ed espressione emotiva. Ci costringe ad essere altro da noi, dobbiamo scegliere un nome, un “alter ego”, indossare una “maschera” dell’altra che è in noi! Con piume, paillettes, reggicalze, corsetti e tutù ci rappresentiamo e ci misuriamo con il nostro corpo che non ci piace e con quella donna che pure conosciamo bene, che è dentro di noi ma che deve dire tante cose che non gli abbiamo mai permesso neanche di bisbigliare: lo possiamo fare invece. E nei gruppi di psico burlesque lo facciamo ridendo.”

L’iniziativa nasce grazie alle esperienze diverse delle pazienti della dott.ssa. L’obiettivo è quello di distruggere l’idea di vedersi allo specchio non più con i propri occhi ma con quelli degli altri. Per quello crescono le aspettative e si perde la propria identità.

“In due giorni di workshop esperenziale di gruppo insieme a delle vere performer di burlesque lavoriamo perché le donne possano ritrovare “le loro parole per dirlo” e i propri occhi per guardarsi e piacersi.”

Amarsi e stimarsi, prendendo la vita con ironia e mettendo in gioco diverse energie.
Non vi stimola l’idea?!