diredonna network
logo
Stai leggendo: Il Burlesque diventa terapeutico per accettarsi e piacersi di più

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Come in "Ritorno al futuro": le scarpe che si allacciano da sole

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Pasta di sale: la ricetta ideale per creazioni e decorazioni fai da te

Il Burlesque diventa terapeutico per accettarsi e piacersi di più

Il Burlesque diventa terapeutico: come amarsi e piacersi di più grazie all'arte della seduzione.
(foto:Web)

Il Burlesque, l’arte della seduzione, diventa terapeutico.
Grazie ad un’idea della psicoterapista Luana De Vita, arriva anche in Italia il psico-burlesque, un’attività che unisce la psicologia alla sofisticata attività del burlesque.
L’idea sbagliata che il burlesque fosse una sorta di soft porno è stata finalmente sdoganata e quest’arte è tornata ad essere apprezzata per le sue caratteristiche originali.
Un po’ di satira mescolata a teatro e danza ricca di ironia, il psico-burlesque unisce tutto questo con la percezione del proprio corpo, alla scoperta della propria personalità e dei desideri repressi.
Questi workshop si alternano con dei veri e propri spettacoli di burlesque con ballerine professioniste che impartiscono lezioni di movimento sensuale.

La dottoressa De Vita racconta il perchè di questa nuova esperienza tutta femminile:

“Il burlesque non vuole corpi perfetti, magri, tonici; pretende però femminilità e piacere, divertimento ed espressione emotiva. Ci costringe ad essere altro da noi, dobbiamo scegliere un nome, un “alter ego”, indossare una “maschera” dell’altra che è in noi! Con piume, paillettes, reggicalze, corsetti e tutù ci rappresentiamo e ci misuriamo con il nostro corpo che non ci piace e con quella donna che pure conosciamo bene, che è dentro di noi ma che deve dire tante cose che non gli abbiamo mai permesso neanche di bisbigliare: lo possiamo fare invece. E nei gruppi di psico burlesque lo facciamo ridendo.”

L’iniziativa nasce grazie alle esperienze diverse delle pazienti della dott.ssa. L’obiettivo è quello di distruggere l’idea di vedersi allo specchio non più con i propri occhi ma con quelli degli altri. Per quello crescono le aspettative e si perde la propria identità.

“In due giorni di workshop esperenziale di gruppo insieme a delle vere performer di burlesque lavoriamo perché le donne possano ritrovare “le loro parole per dirlo” e i propri occhi per guardarsi e piacersi.”

Amarsi e stimarsi, prendendo la vita con ironia e mettendo in gioco diverse energie.
Non vi stimola l’idea?!