diredonna network
logo
Stai leggendo: Buca il preservativo per mettere incinta la sua ragazza: condannato a 2 anni e mezzo di carcere

"Non ci porterete via la libertà": la lezione di Ariana Grande e dei ragazzi d'oggi

Oggi Marco avrebbe compiuto gli anni: le toccanti parole di papà Gianni

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Creazioni in fimo: 3 idee facili, super carine e come realizzarle

Pronte a comprare i mobili Ikea su Amazon?

Internata in una clinica psichiatrica per impedirle di abortire: la drammatica storia di questa ragazza

Maturità 2017: ecco tutte le tracce della prima prova

Sexting, quella "prova d'amore" che può costare la vita

"Perché mi dice che le faccio schifo?": la risposta di Sergio Sylvestre contro gli haters

Jovanotti e la lettera di Pif: "Mi fa schifo chi se ne sbatte dei disabili"

Buca il preservativo per mettere incinta la sua ragazza: condannato a 2 anni e mezzo di carcere

Una vicenda che mai avrei pensato di leggere e raccontare. Un uomo, per non perdere la sua ragazza, l'ha messa incinta con l'inganno. Per lui però ora sono guai giudiziari.
(foto:Web)
(foto:Web)

Solitamente leggiamo di queste storie, ma al contrario. Ovvero di donne, che nella disperazione più assoluta, per non perdere il proprio partner, dimenticano di prendere anti-concezionali come la pillola in modo da restare incinta.
Questa volta invece è stato il ragazzo che vedendo la sua donna più fredda del solito, è stato preso dal panico, credendo che lei stesse per lasciarlo. Craig Jaret Hatchinson, questo il nome dell’uomo, ha così deciso di bucare i preservativi per mettere incinta la sua ragazza in modo da restare insieme per sempre.
La Corte Suprema ha però condannato questo gesto con due anni e mezzo di carcere per “violenza sessuale” avendo ingannato la propria ragazza mettendola incinta praticando dei buchi nel condom.

La ragazza infatti dopo essere rimasta incinta ha fatto immediatamente causa al suo ragazzo, sospettando l’inganno e gli investigatori si sono convinti subito che l’uomo aveva escogitato uno stratagemma.
La vittima ha dovuto affrontare un aborto che le ha provocato un’infezione all’utero e perdite di sangue per due settimane.

La Corte ha dunque stabilito che:

“L’imputato ha sabotato il condom mettendo in atto una frode poiché la ragazza non aveva intenzione di rimanere incinta”.

I giudici hanno respinto le tesi dell’uomo che ha sostenuto che la ragazza era comunque consenziente al rapporto e quindi non poteva configurarsi un reato di violenza sessuale.