diredonna network
logo
Stai leggendo: Buca il preservativo per mettere incinta la sua ragazza: condannato a 2 anni e mezzo di carcere

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Non lo assume e lui la minaccia: "Ti stupro, ti sfregio con l'acido, ti uccido"

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Buca il preservativo per mettere incinta la sua ragazza: condannato a 2 anni e mezzo di carcere

Una vicenda che mai avrei pensato di leggere e raccontare. Un uomo, per non perdere la sua ragazza, l'ha messa incinta con l'inganno. Per lui però ora sono guai giudiziari.
(foto:Web)
(foto:Web)

Solitamente leggiamo di queste storie, ma al contrario. Ovvero di donne, che nella disperazione più assoluta, per non perdere il proprio partner, dimenticano di prendere anti-concezionali come la pillola in modo da restare incinta.
Questa volta invece è stato il ragazzo che vedendo la sua donna più fredda del solito, è stato preso dal panico, credendo che lei stesse per lasciarlo. Craig Jaret Hatchinson, questo il nome dell’uomo, ha così deciso di bucare i preservativi per mettere incinta la sua ragazza in modo da restare insieme per sempre.
La Corte Suprema ha però condannato questo gesto con due anni e mezzo di carcere per “violenza sessuale” avendo ingannato la propria ragazza mettendola incinta praticando dei buchi nel condom.

La ragazza infatti dopo essere rimasta incinta ha fatto immediatamente causa al suo ragazzo, sospettando l’inganno e gli investigatori si sono convinti subito che l’uomo aveva escogitato uno stratagemma.
La vittima ha dovuto affrontare un aborto che le ha provocato un’infezione all’utero e perdite di sangue per due settimane.

La Corte ha dunque stabilito che:

“L’imputato ha sabotato il condom mettendo in atto una frode poiché la ragazza non aveva intenzione di rimanere incinta”.

I giudici hanno respinto le tesi dell’uomo che ha sostenuto che la ragazza era comunque consenziente al rapporto e quindi non poteva configurarsi un reato di violenza sessuale.