diredonna network
logo
Stai leggendo: Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Selfie con il morto: "With me", l'app che ti permette di essere accanto a chi non c'è più

Disney contro i boy-scout: "Discriminano i gay"

Disney contro i boy-scout: "Nessun finanziamento per un'associazione che discrimina i gay". Nessun passo indietro dell'associazione che continua con i propri ideali.
Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Una notizia che sta facendo il giro del mondo, creando non poche polemiche.
Negli USA, la Disney ha deciso di non finanziare più l’associazione giovanile dei boy-scout a causa della discriminazione a danno degli omosessuali.
Nessun gay infatti potrà mai essere un dirigente e solo dal primo gennaio di quest’anno, i boy-scout americani hanno ammesso giovani gay nel movimento.
Nessuno di loro però potrà mai diventare “capo”.

La Disney tramite un programma di beneficenza dona soldi a varie associazioni senza scopo di lucro.
Una regola però è infrangibile: le organizzazioni che ricevono assegni dalla Disney non devono attuare politiche discriminatorie di genere, razza, religione, politica o orientamento sessuale.
Per questo motivo i boy-scout, non cambiando la loro ideologia, hanno dovuto dire addio al cospicuo finanziamento.

L’associazione giovanile si dice rammaricata, ma non cambierà le sue regole: nessuna maggiore apertura nei confronti degli omosessuali:

“Ci dispiace molto perché saremo costretti a tagliare molte delle nostre iniziative. Avremmo preferito che tutti si concentrassero sugli obiettivi della nostra opera e sul bene dei ragazzi”