diredonna network
logo
Stai leggendo: Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Cercasi principi, principesse topi e ballerine: ecco l'annuncio di Disneyland Paris

Primark lancia una versione low cost delle sexy decolleté di Minnie

Scopri quali parole sono state inventate nell'anno in cui sei nato

Perché quando "ti senti osservato" in genere è vero

Le cicatrici di Francia Raisa che ha donato il rene a Selena Gomez

Ignazio Moser svela il suo curriculum di donne (con voti) al GF Vip

Congo, il destino dei bambini stregoni violentati e bruciati vivi

Nel Paese dove le donne si offendono se le chiami "casalinghe"

È arrivato Sleeping River Island, il cappotto da divano per l'inverno

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

Disney contro i boy-scout: "Discriminano i gay"

Disney contro i boy-scout: "Nessun finanziamento per un'associazione che discrimina i gay". Nessun passo indietro dell'associazione che continua con i propri ideali.
Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Una notizia che sta facendo il giro del mondo, creando non poche polemiche.
Negli USA, la Disney ha deciso di non finanziare più l’associazione giovanile dei boy-scout a causa della discriminazione a danno degli omosessuali.
Nessun gay infatti potrà mai essere un dirigente e solo dal primo gennaio di quest’anno, i boy-scout americani hanno ammesso giovani gay nel movimento.
Nessuno di loro però potrà mai diventare “capo”.

La Disney tramite un programma di beneficenza dona soldi a varie associazioni senza scopo di lucro.
Una regola però è infrangibile: le organizzazioni che ricevono assegni dalla Disney non devono attuare politiche discriminatorie di genere, razza, religione, politica o orientamento sessuale.
Per questo motivo i boy-scout, non cambiando la loro ideologia, hanno dovuto dire addio al cospicuo finanziamento.

L’associazione giovanile si dice rammaricata, ma non cambierà le sue regole: nessuna maggiore apertura nei confronti degli omosessuali:

“Ci dispiace molto perché saremo costretti a tagliare molte delle nostre iniziative. Avremmo preferito che tutti si concentrassero sugli obiettivi della nostra opera e sul bene dei ragazzi”