diredonna network
logo
Stai leggendo: Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Disney contro i boy-scout: "Discriminano i gay"

Disney contro i boy-scout: "Nessun finanziamento per un'associazione che discrimina i gay". Nessun passo indietro dell'associazione che continua con i propri ideali.
Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Una notizia che sta facendo il giro del mondo, creando non poche polemiche.
Negli USA, la Disney ha deciso di non finanziare più l’associazione giovanile dei boy-scout a causa della discriminazione a danno degli omosessuali.
Nessun gay infatti potrà mai essere un dirigente e solo dal primo gennaio di quest’anno, i boy-scout americani hanno ammesso giovani gay nel movimento.
Nessuno di loro però potrà mai diventare “capo”.

La Disney tramite un programma di beneficenza dona soldi a varie associazioni senza scopo di lucro.
Una regola però è infrangibile: le organizzazioni che ricevono assegni dalla Disney non devono attuare politiche discriminatorie di genere, razza, religione, politica o orientamento sessuale.
Per questo motivo i boy-scout, non cambiando la loro ideologia, hanno dovuto dire addio al cospicuo finanziamento.

L’associazione giovanile si dice rammaricata, ma non cambierà le sue regole: nessuna maggiore apertura nei confronti degli omosessuali:

“Ci dispiace molto perché saremo costretti a tagliare molte delle nostre iniziative. Avremmo preferito che tutti si concentrassero sugli obiettivi della nostra opera e sul bene dei ragazzi”