diredonna network
logo
Stai leggendo: Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Disney contro i boy-scout: "Discriminano i gay"

Disney contro i boy-scout: "Nessun finanziamento per un'associazione che discrimina i gay". Nessun passo indietro dell'associazione che continua con i propri ideali.
Disney contro i boy-scout: “Discriminano i gay”

Una notizia che sta facendo il giro del mondo, creando non poche polemiche.
Negli USA, la Disney ha deciso di non finanziare più l’associazione giovanile dei boy-scout a causa della discriminazione a danno degli omosessuali.
Nessun gay infatti potrà mai essere un dirigente e solo dal primo gennaio di quest’anno, i boy-scout americani hanno ammesso giovani gay nel movimento.
Nessuno di loro però potrà mai diventare “capo”.

La Disney tramite un programma di beneficenza dona soldi a varie associazioni senza scopo di lucro.
Una regola però è infrangibile: le organizzazioni che ricevono assegni dalla Disney non devono attuare politiche discriminatorie di genere, razza, religione, politica o orientamento sessuale.
Per questo motivo i boy-scout, non cambiando la loro ideologia, hanno dovuto dire addio al cospicuo finanziamento.

L’associazione giovanile si dice rammaricata, ma non cambierà le sue regole: nessuna maggiore apertura nei confronti degli omosessuali:

“Ci dispiace molto perché saremo costretti a tagliare molte delle nostre iniziative. Avremmo preferito che tutti si concentrassero sugli obiettivi della nostra opera e sul bene dei ragazzi”