diredonna network
logo
Stai leggendo: Gay ed effeminato: “Imbarazzi i clienti” e viene licenziato

"Ho perso 83 chili, sono soddisfatta, ma ora ho un 'vestito' di pelle in eccesso"

"Le donne che si sposano rischiano di diventare povere"

Paola Turci: "Mai più con un uomo". Niente figli? "Oggi ringrazio il cielo"

Oroscopo dal 30 marzo al 5 aprile- Come sopravvivere alle stelle

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Gay ed effeminato: "Imbarazzi i clienti" e viene licenziato

Discriminazione sul lavoro: un giovane di 22 anni è stato licenziato dall'azienda dove lavorava perchè omosessuale. "I suoi atteggiamenti effeminati imbarazzano i clienti!", così tenta di giustificarsi il superiore.
(foto:Web)

Siamo nel 2014, eppure succedono ancora queste cose.
Wayne Shimer, un giovane uomo di 22 anni, è stato licenziato perchè gay e, secondo i suoi superiori, i suoi modi effeminati sono troppo imbarazzanti per l’azienda.
Wayne ha quindi deciso di fare causa ai responsabili, definendoli bigotti e raccontando di essere vittima di gesti discriminatori a causa del suo orientamento sessuale.

Per esempio, al compagno di Wayne era proibito entrare in azienda, regola inesistente invece per i colleghi eterosessuali che possono ricevere tranquillamente delle visite. Il capo avrebbe anche insistito più e più volte sull’imbarazzante atteggiamento effeminato del ragazzo, ferendolo con commenti vergognosi.
In pochi mesi è arrivata la lettera di licenziamento, immotivata secondo il ragazzo.
L’unica sua colpa è quella di essere omosessuale in un’azienda di omofobi.
Per questo il giovane si è rivolto ad un giudice cercando di riottenere il posto di lavoro ed essere risarcito dei danni morali subiti.

Incredibile dover ancora leggere certe vicende.