diredonna network
logo
Stai leggendo: Gay ed effeminato: “Imbarazzi i clienti” e viene licenziato

Quando l'arcobaleno è rosa: la spiegazione del fenomeno

Cynthia Nixon come "Miranda": da Sex & The City alla politica

Look da fata dai capelli turchini per Rihanna

Il papà denuncia la mamma no-vax: la parola passa al tribunale

"Mangia, sei anoressica": Alessia Marcuzzi risponde alle critiche su Instagram

Il messaggio di Emma per l'amica Stefy, la mamma di Bea

Scuola: al via i Licei brevi, 4 anni invece di 5

È morta la mamma di Bea, la bambina prigioniera del suo corpo

Questo è il primo emoji della storia: ha 3700 anni la "faccetta" più antica

Itzel, la ragazza di 15 anni che ha ucciso il suo stupratore, è stata assolta

Gay ed effeminato: "Imbarazzi i clienti" e viene licenziato

Discriminazione sul lavoro: un giovane di 22 anni è stato licenziato dall'azienda dove lavorava perchè omosessuale. "I suoi atteggiamenti effeminati imbarazzano i clienti!", così tenta di giustificarsi il superiore.
(foto:Web)
(foto:Web)

Siamo nel 2014, eppure succedono ancora queste cose.
Wayne Shimer, un giovane uomo di 22 anni, è stato licenziato perchè gay e, secondo i suoi superiori, i suoi modi effeminati sono troppo imbarazzanti per l’azienda.
Wayne ha quindi deciso di fare causa ai responsabili, definendoli bigotti e raccontando di essere vittima di gesti discriminatori a causa del suo orientamento sessuale.

Per esempio, al compagno di Wayne era proibito entrare in azienda, regola inesistente invece per i colleghi eterosessuali che possono ricevere tranquillamente delle visite. Il capo avrebbe anche insistito più e più volte sull’imbarazzante atteggiamento effeminato del ragazzo, ferendolo con commenti vergognosi.
In pochi mesi è arrivata la lettera di licenziamento, immotivata secondo il ragazzo.
L’unica sua colpa è quella di essere omosessuale in un’azienda di omofobi.
Per questo il giovane si è rivolto ad un giudice cercando di riottenere il posto di lavoro ed essere risarcito dei danni morali subiti.

Incredibile dover ancora leggere certe vicende.