diredonna network
logo
Stai leggendo: Donna licenziata da McDonald’s per aver regalato cibo ai pompieri

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Donna licenziata da McDonald's per aver regalato cibo ai pompieri

Una vicenda che lascia senza parole: una dipendente di Mc Donald's è stata licenziata dopo aver offerto un pasto a dei pompieri che avevano appena spento un incendio. Vergognosi!
(foto:Web)

Una vicenda davvero assurda, che è stata immediatamente denunciata tramite social network.
Heather Levia, impiegata presso Mc Donald’s di Olean, dopo aver pagato il pasto ad alcuni coraggiosi pompieri reduci da un difficile incendio, è stata licenziata.
La 23enne lavorava da Mc Donald’s da ben 8 anni, mamma di due gemelli, un quasi diploma da infermiera professionista.
Quando i capi del negozio le hanno chiesto perchè mai avesse offerto il pranzo ai pompieri, ingenuamente lei ha risposto che sa bene cosa vuol dire lavorare duro e che se lo meritavano perchè son persone che ogni giorno mettono a rischio la loro vita per salvare quella degli altri. La sua giustificazione però è stata inutile e i capi non le hanno perdonato di aver consegnato così tanto cibo in una sola volta (25 breakfast sandwich e frittelle di patate), che Heather ha, tra le altre cose, pagato di tasca sua.

(foto:Web)

Quando è arrivata la seconda squadra e ha fatto un altro ordine da 70 dollari e la ragazza ha chiesto via sms al suo capo se l’azienda poteva offrire il pasto. Al no del dirigente, Heather e i suoi colleghi hanno pagato anche questa consumazione.

Dopo che i pompieri hanno scoperto che la signorina aveva pagato per loro, si sono premurati di chiamare il suo capo e da lì è scoppiato il finimondo.
L’accusa è quella di aver ingiuriato il suo superiore, cosa che lei ha negato.

I vigili del fuoco di Allegany del resto non si aspettavano di ricevere del cibo gratis e hanno dichiarato di aver apprezzato molto il gesto di Heather.

“Di sicuro non apprezziamo il fatto che lei abbia perso il suo lavoro. Non che la politica aziendale ci riguardi. Ma nello stesso giorno un uomo ha perso la sua casa e una ragazza il suo lavoro, proprio a causa di questo stesso episodio”

ha dichiarato il portavoce dei vigili del fuoco di Allegany Gordon Scott.

Rammaricata, ma sempre positiva, la giovane Heather commenta:

“Spero che i membri di questa comunità riescano ad aiutarsi l’un l’altro e che le cose non restino sempre così come sono. E se perdere il mio lavoro è un modo per aprire gli occhi alla gente, be’ allora è così che deve essere”.

Nel frattempo il gestore del McDonald’s di Olean sostiene che il licenziamento non ha nulla a che vedere con questo episodio.

“La nostra organizzazione valuta i suoi dipendenti ogni giorno. Vogliamo continuare a sostenere l’impegno dei nostri dipartimenti di polizia e vigili del fuoco. Sono sempre i benvenuti nel nostro ristorante e continueremo a supportarli in futuro. Sappiamo che ci sono state mosse accuse dopo il caso del licenziamento di Heather Levia. Ma per rispetto della sua privacy, non ritengo appropriato commentare nei dettagli le ragioni per cui lei non è più una nostra dipendente. Inoltre le accuse mosse verso di noi sono completamente false. Non abbiamo mai penalizzato gli impiegati che mostrano un appropriato senso di gratitudine per il lavoro dei pompieri”.

Sarà, ma le coincidenze sono troppe.
Vergogna!