diredonna network
logo
Stai leggendo: Morta Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta all’olocausto

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Morta Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta all'olocausto

È morta Alice Herz-Sommer, la più anziana superstite dell'olocausto. Una vita dedicata alla musica, quella passione che l'ha salvata ai tempi del lager. Il film sulla sua vita ora è candidato ai prossimi Oscar.
(foto:Web)

È morta la donna più anziana sopravvissuta all’olocausto.
Alice Herz-Sommer è stata ricoverata nel week_end e si è spenta con tutta la famiglia riunita al suo capezzale.

“Ci ha amato molto e con noi ha condiviso la passione per la musica, ridendo anche insieme. Ci mancherà molto”

Così l’ha ricordata suo nipote.

(foto:Web)

Alice nacque a Praga nel 1903, era una pianista e insegnante di musica.
Nel 1942 diventò schiava nel campo di concentramento di Theresienstatst, in Repubblica Ceca. Dopo la guerra decise di emigrare in Israele e finì la sua vita in Gran Bretagna.
Alice ha sempre avuto un legame fortissimo con la musica, che la salvò dal lager: alla donna infatti veniva permesso di tenere dei concerti all’interno del campo, grazie alla sua grande passione e dote.

“Attraverso la musica venivamo mantenuti in vita. Questi concerti, le persone sedute, la gente anziana desolata e malata che veniva al concerto: questa musica per loro era come il cibo, la musica era il nostro cibo”

Il prossimo 2 marzo, il film ispirato alla sua vita “The Lady in Number 6: Music Saved My Life” è candidato agli Oscar come miglior documentario.
Un vero e proprio omaggio all’ultima testimonianza del più grande orrore di tutti i tempi.