diredonna network
logo
Stai leggendo: Morta Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta all’olocausto

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Morta Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta all'olocausto

È morta Alice Herz-Sommer, la più anziana superstite dell'olocausto. Una vita dedicata alla musica, quella passione che l'ha salvata ai tempi del lager. Il film sulla sua vita ora è candidato ai prossimi Oscar.
(foto:Web)
(foto:Web)

È morta la donna più anziana sopravvissuta all’olocausto.
Alice Herz-Sommer è stata ricoverata nel week_end e si è spenta con tutta la famiglia riunita al suo capezzale.

“Ci ha amato molto e con noi ha condiviso la passione per la musica, ridendo anche insieme. Ci mancherà molto”

Così l’ha ricordata suo nipote.

(foto:Web)
(foto:Web)

Alice nacque a Praga nel 1903, era una pianista e insegnante di musica.
Nel 1942 diventò schiava nel campo di concentramento di Theresienstatst, in Repubblica Ceca. Dopo la guerra decise di emigrare in Israele e finì la sua vita in Gran Bretagna.
Alice ha sempre avuto un legame fortissimo con la musica, che la salvò dal lager: alla donna infatti veniva permesso di tenere dei concerti all’interno del campo, grazie alla sua grande passione e dote.

“Attraverso la musica venivamo mantenuti in vita. Questi concerti, le persone sedute, la gente anziana desolata e malata che veniva al concerto: questa musica per loro era come il cibo, la musica era il nostro cibo”

Il prossimo 2 marzo, il film ispirato alla sua vita “The Lady in Number 6: Music Saved My Life” è candidato agli Oscar come miglior documentario.
Un vero e proprio omaggio all’ultima testimonianza del più grande orrore di tutti i tempi.