diredonna network
logo
Stai leggendo: Morta Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta all’olocausto

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Morta Alice Herz-Sommer, la più anziana sopravvissuta all'olocausto

È morta Alice Herz-Sommer, la più anziana superstite dell'olocausto. Una vita dedicata alla musica, quella passione che l'ha salvata ai tempi del lager. Il film sulla sua vita ora è candidato ai prossimi Oscar.
(foto:Web)
(foto:Web)

È morta la donna più anziana sopravvissuta all’olocausto.
Alice Herz-Sommer è stata ricoverata nel week_end e si è spenta con tutta la famiglia riunita al suo capezzale.

“Ci ha amato molto e con noi ha condiviso la passione per la musica, ridendo anche insieme. Ci mancherà molto”

Così l’ha ricordata suo nipote.

(foto:Web)
(foto:Web)

Alice nacque a Praga nel 1903, era una pianista e insegnante di musica.
Nel 1942 diventò schiava nel campo di concentramento di Theresienstatst, in Repubblica Ceca. Dopo la guerra decise di emigrare in Israele e finì la sua vita in Gran Bretagna.
Alice ha sempre avuto un legame fortissimo con la musica, che la salvò dal lager: alla donna infatti veniva permesso di tenere dei concerti all’interno del campo, grazie alla sua grande passione e dote.

“Attraverso la musica venivamo mantenuti in vita. Questi concerti, le persone sedute, la gente anziana desolata e malata che veniva al concerto: questa musica per loro era come il cibo, la musica era il nostro cibo”

Il prossimo 2 marzo, il film ispirato alla sua vita “The Lady in Number 6: Music Saved My Life” è candidato agli Oscar come miglior documentario.
Un vero e proprio omaggio all’ultima testimonianza del più grande orrore di tutti i tempi.