diredonna network
logo
Stai leggendo: Greenpeace shock: lo smartphone consuma più energia di un frigorifero

Cacciata dalla piscina per il costume che indossa, il fidanzato si sfoga su Facebook

"Cosa mi ha insegnato il suicidio di mia mamma"

Da Chiara Ferragni a Mila Kunis: brutta bestia l'invidia dei frustrati

Giurarsi amore eterno con gli anelli con le impronte digitali

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Oroscopo dal 22 al 28 giugno - Come sopravvivere alle stelle

Eros e Marica hanno ben due anniversari di nozze e... doppia dedica social

Greenpeace shock: lo smartphone consuma più energia di un frigorifero

Greenpeace lancia l'allarme: gli smartphone consumano più energia di un elettrodomestico come il frigorifero, e le aziende coinvolte scelgono fonti energetiche inquinanti.
(foto:Web)
(foto:Web)

Lo smartphone, in particolar modo l’iPhone, ha un consumo energetico più alto di quello di un frigorifero.
È Greenpeace a diffondere la notizia, lanciando l’allarme.
Il frigorifero infatti, anche se alimentato a corrente 24ore su 24, alterna momenti di raffreddamento attivo a momenti di riposo, aumentando il consumo solo quando rimane aperto a causa dell’accensione della luce interna e per lo sforzo di mantenere la temperatura prefissata nonostante il calore che entra dall’esterno.

Lo smartphone invece consuma in modo costante una quantità energetica maggiore, soprattutto a causa delle nuove funzionalità che ne aumentano l’attività quotidiana. Anche scegliendo l’opzione del risparmio energetico, lo spreco di energia dello smartphone è davvero sorprendente.
Greenpeace da anni combatte contro questo tipo di sprechi e la crescente portata di informazioni scambiate con questi dispositivi ha aumentato il dispendio di energia da parte delle aziende che curano i network, e che troppo spesso si affidano ancora a fonti di energia inquinanti come il carbone.
Apple e Google  nel frattempo stanno già lavorando per prediligere fonti di energia pulite.