diredonna network
logo
Stai leggendo: Greenpeace shock: lo smartphone consuma più energia di un frigorifero

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Grazia per Jacqueline, la donna che uccise il marito che la picchiava e violentava le figlie

Quando (e dove) ci dà fastidio essere toccati: le zone off-limits del nostro corpo

Blue Monday: oggi è il giorno più triste dell'anno. Ecco perché... è una bufala

Come in "Ritorno al futuro": le scarpe che si allacciano da sole

Greenpeace shock: lo smartphone consuma più energia di un frigorifero

Greenpeace lancia l'allarme: gli smartphone consumano più energia di un elettrodomestico come il frigorifero, e le aziende coinvolte scelgono fonti energetiche inquinanti.
(foto:Web)

Lo smartphone, in particolar modo l’iPhone, ha un consumo energetico più alto di quello di un frigorifero.
È Greenpeace a diffondere la notizia, lanciando l’allarme.
Il frigorifero infatti, anche se alimentato a corrente 24ore su 24, alterna momenti di raffreddamento attivo a momenti di riposo, aumentando il consumo solo quando rimane aperto a causa dell’accensione della luce interna e per lo sforzo di mantenere la temperatura prefissata nonostante il calore che entra dall’esterno.

Lo smartphone invece consuma in modo costante una quantità energetica maggiore, soprattutto a causa delle nuove funzionalità che ne aumentano l’attività quotidiana. Anche scegliendo l’opzione del risparmio energetico, lo spreco di energia dello smartphone è davvero sorprendente.
Greenpeace da anni combatte contro questo tipo di sprechi e la crescente portata di informazioni scambiate con questi dispositivi ha aumentato il dispendio di energia da parte delle aziende che curano i network, e che troppo spesso si affidano ancora a fonti di energia inquinanti come il carbone.
Apple e Google  nel frattempo stanno già lavorando per prediligere fonti di energia pulite.