diredonna network
logo
Stai leggendo: Greenpeace shock: lo smartphone consuma più energia di un frigorifero

"Ieri mi ha detto che sono bellissima": la lettera della moglie malata al marito

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Greenpeace shock: lo smartphone consuma più energia di un frigorifero

Greenpeace lancia l'allarme: gli smartphone consumano più energia di un elettrodomestico come il frigorifero, e le aziende coinvolte scelgono fonti energetiche inquinanti.
(foto:Web)

Lo smartphone, in particolar modo l’iPhone, ha un consumo energetico più alto di quello di un frigorifero.
È Greenpeace a diffondere la notizia, lanciando l’allarme.
Il frigorifero infatti, anche se alimentato a corrente 24ore su 24, alterna momenti di raffreddamento attivo a momenti di riposo, aumentando il consumo solo quando rimane aperto a causa dell’accensione della luce interna e per lo sforzo di mantenere la temperatura prefissata nonostante il calore che entra dall’esterno.

Lo smartphone invece consuma in modo costante una quantità energetica maggiore, soprattutto a causa delle nuove funzionalità che ne aumentano l’attività quotidiana. Anche scegliendo l’opzione del risparmio energetico, lo spreco di energia dello smartphone è davvero sorprendente.
Greenpeace da anni combatte contro questo tipo di sprechi e la crescente portata di informazioni scambiate con questi dispositivi ha aumentato il dispendio di energia da parte delle aziende che curano i network, e che troppo spesso si affidano ancora a fonti di energia inquinanti come il carbone.
Apple e Google  nel frattempo stanno già lavorando per prediligere fonti di energia pulite.