diredonna network
logo
Stai leggendo: Siamo ancora capaci di altruismo? Il video più commovente del web [VIDEO]

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Siamo ancora capaci di altruismo? Il video più commovente del web [VIDEO]

Il video virale che sta commuovendo il popolo del web e non solo. Un'idea di SOS Children's Village International, per sensibilizzare le persone sui gravi problemi dei bambini in Siria.
(foto:Web)

Questo video realizzato dai volontari norvegesi di SOS Children’s Village International è diventato virale in pochissimo tempo e sta davvero commuovendo tutto il web.
Il video è ambientato ad Oslo, ad una fermata dell’autobus, in pieno inverno.
Un bambino di soli 11 anni è seduto senza cappotto, battendo i denti per la neve e il conseguente freddo pungente.
Chissà come reagiranno i passanti alla vista del piccolo che trema per il freddo. Chissà chi lo aiuterà, chi lo riparerà privandosi del proprio giubbino, chi invece resterà indifferente a questa scena.

SOS Children’s Village International è un’organizzazione no profit nata nel 1949 che tutela i diritti dei minori. Questo video nasce come campagna pubblicitaria per fornire vestiti ai bambini della Siria.
Nessun bambino è stato sfruttato per questo progetto, e non ha corso nessun pericolo.
Un portavoce dell’associazione si sbilancia:

” La gente si dovrebbe preoccupare tanto dei bambini in Siria quanto si sono preoccupati del ragazzino norvegese”.

Ecco il bellissimo video

[members title=”Video riservato agli iscritti” description=”Fai login per vederlo!”]

[/members]