diredonna network
logo
Stai leggendo: Siamo ancora capaci di altruismo? Il video più commovente del web [VIDEO]

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Siamo ancora capaci di altruismo? Il video più commovente del web [VIDEO]

Il video virale che sta commuovendo il popolo del web e non solo. Un'idea di SOS Children's Village International, per sensibilizzare le persone sui gravi problemi dei bambini in Siria.
(foto:Web)

Questo video realizzato dai volontari norvegesi di SOS Children’s Village International è diventato virale in pochissimo tempo e sta davvero commuovendo tutto il web.
Il video è ambientato ad Oslo, ad una fermata dell’autobus, in pieno inverno.
Un bambino di soli 11 anni è seduto senza cappotto, battendo i denti per la neve e il conseguente freddo pungente.
Chissà come reagiranno i passanti alla vista del piccolo che trema per il freddo. Chissà chi lo aiuterà, chi lo riparerà privandosi del proprio giubbino, chi invece resterà indifferente a questa scena.

SOS Children’s Village International è un’organizzazione no profit nata nel 1949 che tutela i diritti dei minori. Questo video nasce come campagna pubblicitaria per fornire vestiti ai bambini della Siria.
Nessun bambino è stato sfruttato per questo progetto, e non ha corso nessun pericolo.
Un portavoce dell’associazione si sbilancia:

” La gente si dovrebbe preoccupare tanto dei bambini in Siria quanto si sono preoccupati del ragazzino norvegese”.

Ecco il bellissimo video

[members title=”Video riservato agli iscritti” description=”Fai login per vederlo!”]

[/members]