diredonna network
logo
Stai leggendo: Stage, nuove regole: ecco quanto devono pagarti

Disneyland Paris è alla ricerca di... cattivi. Se lo sei, manda il tuo cv

Quei bambini perduti che, ogni anno, spariscono nel nulla

Quello che le influencer non ci dicevano (ma ora sono obbligate)

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

Maturità: 6 trucchi per ricordare quello che si studia

"Ho lasciato che mia figlia cambiasse sesso a 4 anni e ne sono felice": la storia di Kai e di mamma Kimberly

Oroscopo dal 18 al 24 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Cristian Fernandez: il bambino che rischia l'ergastolo

Maturità 2017, ecco le date degli esami e cosa c'è da sapere

Tenta il suicidio l'ex che ha sfigurato Gessica Notaro con l'acido

Stage, nuove regole: ecco quanto devono pagarti

Finalmente tutte le Regioni si sono espresse sui tirocini: ora qualsiasi stagista deve essere retribuito con un minimo che parte da 300 euro.
(foto:Web)
(foto:Web)

Stage gratuiti? Ora non è più possibile, per fortuna.
Dopo che la riforma Fornero ha stabilito che ogni tirocinio formativo e di orientamento deve prevedere un rimborso, i parlamentari di ogni regione hanno deciso i dettagli di questa nuova regola, che tutela i lavoratori.
In Abruzzo e Piemonte, uno stage viene rimborsato con un minimo di 600 euro, mentre in Friuli, Sicilia e Umbria, il compenso base non supera i 300 euro.

L’Adapt ha tracciato la mappa delle scelte fatte dalle Regioni. Una ricercatrice commenta:

“Le ultime Regioni che dovevano esprimersi sui tirocini l’hanno fatto: ora le nuove norme sono operative a tutti gli effetti”.

Tutti ora devono ricevere un compenso per lo stage e in caso contrario è legittimo denunciare il proprio capo. Tutto questo è possibile solo per gli stage extra-curriculari, ovvero non necessari per finire il percorso scolastico.

“Può essere visto come un passo in avanti per l’Italia, ma non bisogna focalizzarsi solo sul rimborso: si rischia di dimenticare che uno stage è prima di tutto formazione e ingresso nel mondo del lavoro, e su questi aspetti c’è ancora da lavorare”.

Nessun’azienda può comunque scendere al di sotto di 300 euro.
Un passo in avanti, davvero questa volta.
Finalmente.