diredonna network
logo
Stai leggendo: Stage, nuove regole: ecco quanto devono pagarti

Il video appello: "Signor Presidente, ero DJ Fabo, ora voglio poter morire"

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oltre Grey's Anatomy: una nuova serie tv per Ellen Pompeo

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Inchiesta choc: "Ecco chi sono gli oltre 200 religiosi pedofili in Italia" che continuano a fare i preti

Grey's Anatomy: nuove stagioni già in programma?

La magia de l'Incantevole Creamy torna in tv: ecco quando e dove

Lui la dà alla fiamme. Lei lo difende dalla D'Urso. Momento di TV shock

"Streghe": è in arrivo un prequel della serie?

Gli insulti stupidi ad AstroSamantha per il nome della figlia (e forse è pure una bufala)

Stage, nuove regole: ecco quanto devono pagarti

Finalmente tutte le Regioni si sono espresse sui tirocini: ora qualsiasi stagista deve essere retribuito con un minimo che parte da 300 euro.
(foto:Web)

Stage gratuiti? Ora non è più possibile, per fortuna.
Dopo che la riforma Fornero ha stabilito che ogni tirocinio formativo e di orientamento deve prevedere un rimborso, i parlamentari di ogni regione hanno deciso i dettagli di questa nuova regola, che tutela i lavoratori.
In Abruzzo e Piemonte, uno stage viene rimborsato con un minimo di 600 euro, mentre in Friuli, Sicilia e Umbria, il compenso base non supera i 300 euro.

L’Adapt ha tracciato la mappa delle scelte fatte dalle Regioni. Una ricercatrice commenta:

“Le ultime Regioni che dovevano esprimersi sui tirocini l’hanno fatto: ora le nuove norme sono operative a tutti gli effetti”.

Tutti ora devono ricevere un compenso per lo stage e in caso contrario è legittimo denunciare il proprio capo. Tutto questo è possibile solo per gli stage extra-curriculari, ovvero non necessari per finire il percorso scolastico.

“Può essere visto come un passo in avanti per l’Italia, ma non bisogna focalizzarsi solo sul rimborso: si rischia di dimenticare che uno stage è prima di tutto formazione e ingresso nel mondo del lavoro, e su questi aspetti c’è ancora da lavorare”.

Nessun’azienda può comunque scendere al di sotto di 300 euro.
Un passo in avanti, davvero questa volta.
Finalmente.