diredonna network
logo
Stai leggendo: Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Gli uomini preferiscono le donne formose. Ecco perché!

"Ci siamo conosciuti su un'app di incontri ed è successo l'imprevedibile"

Michelle e Aurora: 20 anni di tenerezze e complicità tra mamma e figlia

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Oroscopo dal 20 al 26 luglio - Come sopravvivere alle stelle

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

Quel "signora, ha goduto?" quando 5 uomini stuprarono Franca Rame

Chi vorrebbe ricevere una proposta di matrimonio da Starbucks come questa

4 motivi per cui Wonder Woman ci ha davvero stufate

Mark, 19 anni, non trova lavoro a causa di questo suo tatuaggio

Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Ci si sfida a ingurgitare quantità enormi di alcool: ma è una moda molto pericolosa e diseducativa
Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

È un nuovo gioco e spopola sul web tra giovanissimi e non solo: consiste nel riprendersi mentre si assumono grandi quantità di alcool in una volta sola e nel lanciare poi il filmato come una sfida in rete, in una sorta di catena di Sant’Antonio virtuale. Si chiama Neknominate e gli esperti sono già in allarme. Si parla di una moda potenzialmente mortale o comunque molto pericolosa, perché i rischi di intossicazioni da alcool sono elevatissimi.

Ma la rete, si sa, difficilmente sottostà alle regole: e i filmati si moltiplicano, diventando sempre più fantasiosi e articolati, come testimonia anche la pagina Facebook “The Best Neknominate Video’s”. Una tendenza, quindi, non solo pericolosa perché incentiva i giovani (da sempre primi fruitori del web) all’assunzione di alcool senza moderazione, ma anche perché la voglia di creare video sempre più originali mette a repentaglio la sicurezza dei protagonisti. E il mondo inizia già a contare le prime vittime di questo assurdo gioco.

Per ora si tratta di una moda che non tocca l’Italia. Ma è partita dall’Australia e in pochissimo tempo ha contagiato gran parte del mondo proprio grazie alla globalità dei social network. Quanto tempo dovrà passare prima che si inizi a parlarne con preoccupazione anche da noi?