diredonna network
logo
Stai leggendo: Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

La Balena Felice e la Pink Whale contro Blue Whale, il gioco del suicidio social

"Riposa in pace. So che verrai a cercarmi...", le parole della moglie a Chris Cornell

Perché la fine di un'amicizia è peggio della fine di un amore

Quando Marina Abramovic lasciò che la gente usasse il suo corpo come un oggetto

Oroscopo dal 25 al 31 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Avril Lavigne è morta ed è stata rimpiazzata da un clone": le "prove" dei complottisti

Spora, ecco il mio viso dopo l'incidente: "Questa sono io e la perfezione non esiste"

15 migliori idee per feste a tema diverse dal solito

Terapie di "riorientamento sessuale": "Ecco come si possono curare i gay"

Troppo grassa per Louis Vuitton, ma la modella non ci sta: ecco come ha risposto su Facebook

Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Ci si sfida a ingurgitare quantità enormi di alcool: ma è una moda molto pericolosa e diseducativa
Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

È un nuovo gioco e spopola sul web tra giovanissimi e non solo: consiste nel riprendersi mentre si assumono grandi quantità di alcool in una volta sola e nel lanciare poi il filmato come una sfida in rete, in una sorta di catena di Sant’Antonio virtuale. Si chiama Neknominate e gli esperti sono già in allarme. Si parla di una moda potenzialmente mortale o comunque molto pericolosa, perché i rischi di intossicazioni da alcool sono elevatissimi.

Ma la rete, si sa, difficilmente sottostà alle regole: e i filmati si moltiplicano, diventando sempre più fantasiosi e articolati, come testimonia anche la pagina Facebook “The Best Neknominate Video’s”. Una tendenza, quindi, non solo pericolosa perché incentiva i giovani (da sempre primi fruitori del web) all’assunzione di alcool senza moderazione, ma anche perché la voglia di creare video sempre più originali mette a repentaglio la sicurezza dei protagonisti. E il mondo inizia già a contare le prime vittime di questo assurdo gioco.

Per ora si tratta di una moda che non tocca l’Italia. Ma è partita dall’Australia e in pochissimo tempo ha contagiato gran parte del mondo proprio grazie alla globalità dei social network. Quanto tempo dovrà passare prima che si inizi a parlarne con preoccupazione anche da noi?