diredonna network
logo
Stai leggendo: Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Mark Zuckerberg di nuovo papà: "Lotteremo per rendere il mondo un posto migliore"

L'incidente di Noah Hathaway, il bambino guerriero de La Storia Infinita

La ragazza che salvò il soldato. Lui: "Non ho mai smesso di cercarti"

Arabia Saudita: "Le donne non possono guidare perché hanno un quarto di cervello"

Autocontrollo, quando troppo fa perdere il controllo e quando coltivarlo

Perché le coppie che guardano serie tv sono le più felici

Gloria, uccisa di botte a 23 anni dai parenti che la costringevano a prostituirsi

Gomma crepla: cos'è e come si usa

"Sex by surprise", subire violenza durante un rapporto sessuale consenziente

La lettera d'amore di Alain Delon al suo grande amore quando morì

Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Ci si sfida a ingurgitare quantità enormi di alcool: ma è una moda molto pericolosa e diseducativa
Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

È un nuovo gioco e spopola sul web tra giovanissimi e non solo: consiste nel riprendersi mentre si assumono grandi quantità di alcool in una volta sola e nel lanciare poi il filmato come una sfida in rete, in una sorta di catena di Sant’Antonio virtuale. Si chiama Neknominate e gli esperti sono già in allarme. Si parla di una moda potenzialmente mortale o comunque molto pericolosa, perché i rischi di intossicazioni da alcool sono elevatissimi.

Ma la rete, si sa, difficilmente sottostà alle regole: e i filmati si moltiplicano, diventando sempre più fantasiosi e articolati, come testimonia anche la pagina Facebook “The Best Neknominate Video’s”. Una tendenza, quindi, non solo pericolosa perché incentiva i giovani (da sempre primi fruitori del web) all’assunzione di alcool senza moderazione, ma anche perché la voglia di creare video sempre più originali mette a repentaglio la sicurezza dei protagonisti. E il mondo inizia già a contare le prime vittime di questo assurdo gioco.

Per ora si tratta di una moda che non tocca l’Italia. Ma è partita dall’Australia e in pochissimo tempo ha contagiato gran parte del mondo proprio grazie alla globalità dei social network. Quanto tempo dovrà passare prima che si inizi a parlarne con preoccupazione anche da noi?