diredonna network
logo
Stai leggendo: Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

Ci si sfida a ingurgitare quantità enormi di alcool: ma è una moda molto pericolosa e diseducativa
Neknominate: è allarme per il nuovo gioco alcolico della rete

È un nuovo gioco e spopola sul web tra giovanissimi e non solo: consiste nel riprendersi mentre si assumono grandi quantità di alcool in una volta sola e nel lanciare poi il filmato come una sfida in rete, in una sorta di catena di Sant’Antonio virtuale. Si chiama Neknominate e gli esperti sono già in allarme. Si parla di una moda potenzialmente mortale o comunque molto pericolosa, perché i rischi di intossicazioni da alcool sono elevatissimi.

Ma la rete, si sa, difficilmente sottostà alle regole: e i filmati si moltiplicano, diventando sempre più fantasiosi e articolati, come testimonia anche la pagina Facebook “The Best Neknominate Video’s”. Una tendenza, quindi, non solo pericolosa perché incentiva i giovani (da sempre primi fruitori del web) all’assunzione di alcool senza moderazione, ma anche perché la voglia di creare video sempre più originali mette a repentaglio la sicurezza dei protagonisti. E il mondo inizia già a contare le prime vittime di questo assurdo gioco.

Per ora si tratta di una moda che non tocca l’Italia. Ma è partita dall’Australia e in pochissimo tempo ha contagiato gran parte del mondo proprio grazie alla globalità dei social network. Quanto tempo dovrà passare prima che si inizi a parlarne con preoccupazione anche da noi?