diredonna network
logo
Stai leggendo: Boom rapimento cani: destinati alla vivisezione e ai combattimenti

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Boom rapimento cani: destinati alla vivisezione e ai combattimenti

Emergenza rapimento cani: attenzione al vostro cucciolo. Ogni anno aumentano i cani, di razza e non, rapiti per la vivisezione e i combattimenti.
(foto:Web)

Attenzione ai vostri cani: l’ultimo incubo dei proprietari di questi adorabili animali è il rapimento.

I dati degli ultimi anni sono davvero allarmanti: sono oltre 17.500 i cani rapiti l’anno scorso in Italia, un fenomeno con un incremento di oltre 2.000 casi rispetto all’anno precedente.
I cani vengono rapiti dalle loro case, dai parchi o dalle auto in sosta dove spesso vengono lasciati ad aspettare.

Almeno il 50% dei cani rapiti è di razza ma nel mirino dei rapitori ci sono anche i meticci.
I cani di taglia grande finiscono nel giro dei combattimenti clandestini e vengono spediti nei laboratori del Nord Europa per la vivisezione. Altri sono sfruttati per la riproduzione con un giro di affari che supera oltre i 5 milioni di euro.
Una denuncia shock che è stata fatta dall’Aidaa, Associazione italiana difesa animali e ambiente.

“Stando alle segnalazioni che abbiamo ricevuto nel corso del 2013 i rapitori di cani di razza puntano soprattutto su Chihuahua, Carlini, Bouledogue francesi, Boxer, Rottweiler e Dogue de Bordeaux. Ma sono a rischio tutti i cani. Di qualsiasi età e taglia. Indipendente dalla razza”

I consigli per evitare questi problemi sono piuttosto semplici: evitare di lasciare il vostro cane in auto da solo, anche se per pochissimo tempo, evitare di legarlo ad un paletto quando entrate in un negozio (ormai in quasi tutti i negozi gli animali domestici son ben accetti). Attenzione anche al giardino.
Slegate il cane solo in aeree riservate.

E fate attenzione, i rapitori sono persone insospettabili, soprattutto dall’aspetto.