diredonna network
logo
Stai leggendo: Baciami! Decifrato un messaggio vichingo di 800 anni fa

I riti e i significati del matrimonio indiano: l'amore è sempre combinato?

Come pulire la lavatrice: 4 rimedi fai da te super efficaci

Da "scopa di più" a "Una signorina non...": le frasi sessiste che diciamo ogni giorno

Andrea Pace, la lettera della sorella per dire addio al piccolo Masterchef Junior

Esperimento: "Vi raccontiamo come è facile fingersi una star di Instagram e farsi pagare dai brand"

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Baciami! Decifrato un messaggio vichingo di 800 anni fa

Un messaggio inciso su una tavoletta vichinga risalente al 1.200 è rimasto criptato fino ad oggi. Un ricercatore specializzato in rune è riuscita a decifrarlo; riportava la parola "baciami".
Baciami! Decifrato un messaggio vichingo

Una tavoletta vichinga risalente al 1.200 con inciso un messaggio; anni e anni di studi per cercare di decifrare il testo che si credeva essere, inizialmente, un codice segreto.

K. Jonas Nordby, un giovane runologo dell’Università di Oslo è riuscito nell’impresa.

Svelato, finalmente, il mistero del “codice jötunvillur”, una variante delle rune standard che non dava atto a messaggi sensati ed era difficilmente studiabile perchè  rilevato in pochissime iscrizioni in tutta la Scandinavia.

Il ricercatore è giunto alla conclusione che le tavolette, sulle quali vi erano incise le rune (lettere), venivano utilizzate per scambiarsi dei messaggi brevi e di facile comprensione … gli antenati dei nostri sms.

E il messaggio in questione era diretto e romantico: “baciami”.

Nonostante la carineria incisa sulla tavoletta, Nordby esclude che si possa trattare di uno scambio di “corrispondenza segreta o intima” potrebbe trattarsi molto più realisticamente di un gioco enigmistico o scolastico.

L’antenato del nostro gioco dell’impiccato. 🙂