diredonna network
logo
Stai leggendo: Baciami! Decifrato un messaggio vichingo di 800 anni fa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

L'annuncio di lavoro dei sogni: essere pagate per assaggiare cioccolato

Jessica, perde la memoria ma si innamora di nuovo dello stesso uomo

Il tuo account Instagram potrebbe dire molto sulla tua salute mentale

"Ma cosa fai tutto il giorno?" Ecco la risposta di una mamma che non lavora

Oroscopo dal 9 al 15 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Baciami! Decifrato un messaggio vichingo di 800 anni fa

Un messaggio inciso su una tavoletta vichinga risalente al 1.200 è rimasto criptato fino ad oggi. Un ricercatore specializzato in rune è riuscita a decifrarlo; riportava la parola "baciami".
Baciami! Decifrato un messaggio vichingo

Una tavoletta vichinga risalente al 1.200 con inciso un messaggio; anni e anni di studi per cercare di decifrare il testo che si credeva essere, inizialmente, un codice segreto.

K. Jonas Nordby, un giovane runologo dell’Università di Oslo è riuscito nell’impresa.

Svelato, finalmente, il mistero del “codice jötunvillur”, una variante delle rune standard che non dava atto a messaggi sensati ed era difficilmente studiabile perchè  rilevato in pochissime iscrizioni in tutta la Scandinavia.

Il ricercatore è giunto alla conclusione che le tavolette, sulle quali vi erano incise le rune (lettere), venivano utilizzate per scambiarsi dei messaggi brevi e di facile comprensione … gli antenati dei nostri sms.

E il messaggio in questione era diretto e romantico: “baciami”.

Nonostante la carineria incisa sulla tavoletta, Nordby esclude che si possa trattare di uno scambio di “corrispondenza segreta o intima” potrebbe trattarsi molto più realisticamente di un gioco enigmistico o scolastico.

L’antenato del nostro gioco dell’impiccato. 🙂