diredonna network
logo
Stai leggendo: 80 anni di Minigonna! Auguri Mari Quant!

7 scarpe che dovreste comprare durante i saldi (perché saranno di moda anche l'anno prossimo)

Le Spose di Giò, tra Made in Italy e tradizioni: ecco la nuova collezione 2016/2017!

Questo capo di lingerie, tra i più venduti a Natale, ha fatto arrabbiare molti

Scarpe: 10 modelli a meno di 50€ che tutte dovremmo avere nel nostro guardaroba

7 consigli per indossare benissimo i jeans skinny se sei curvy

Siate vere! È solo questione di prospettiva: parola di fitness blogger!

Johanna, la donna che non può abbracciare nessuno... nemmeno suo marito

Arriva il maglione per i giorni da "lasciatemi in pace!"

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

80 anni di Minigonna! Auguri Mari Quant!

80anni fa nacque Mari Quant, la donna rivoluzionaria che creò un capo intramontabile e ultra femminile come la minigonna.
(foto:Web)

Come ieri, l’11 febbraio del 1943, nacque Mari Quant, la stilista inglese che inventò la minigonna grazie all’intuizione di accorciare di qualche centimetro le gonne dell’epoca.
Una vera e propria rivoluzione che all’epoca fece gridare ad una scandalizzata Coco Chanel: “È terribile vedere quelle ginocchia!”

Una vera e propria rivoluzione dello stile e non solo.
La polemica che si creò per la nascita di questo capo troppo hot per l’epoca spinse ancora di più questo fenomeno oltre i confini inglesi, diffondendo la nuova moda in tutta Europa e anche negli U.S.A.
La Quant riuscì a smuovere gli animi dei puritani parlando esplicitamente di sesso e creando quel piccolo pezzo di stoffa che copre le gambe.
Negli anni ’60 la Quant scelse Twiggy come sponsor del suo progetto, una ragazzina esile e androgina, completamente estranea ai canoni di bellezza dell’epoca.
La minigonna non ha assolutamente ridotto la dignità della donna, anzi, l’ha resa più libera.

Nella sua biografia del 2012, Mari Quant ha descritto con ammirazione le superdonne di oggi che “si muovono come atlete, stanno sedute come gli uomini con le ginocchia separate e i loro bambini assumono il cognome della madre”.

“È meraviglioso essere una donna e vivere ora”. E forse un po’ il merito è anche tuo!
Auguri ancora Mari!