diredonna network
logo
Stai leggendo: Ballare e non sentire il peso dei 160 chili

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Ballare e non sentire il peso dei 160 chili

Una grande passione per il ballo ma il fisico non propriamente di un'etolile. E' la storia di Whitney che si scatena davanti ad una telecamera per promuovere "il volersi bene" a prescindere dalla taglia indossata.
Ballare e non sentire il peso dei 160 chili

“No Body Shame” ovvero “Non vergognarti del tuo corpo”.

E’ questa la campagna promossa da Whitney Way Thore una produttrice radiofonica del North Carolina che, a causa della sindrome dell’ovaio policistico, è rapidamente aumentata di peso, passando da 55 a 160 Kg.

Un cambiamento che ha portato Whitney a scontrarsi con i modelli sociali e culturali moderni dove l’apparire ha un ruolo importantissimo.

Forte e determinata ha così deciso di battersi per se stessa e per tutte le donne come lei, costrette a subire gli sguardi di disapprovazione, atti  discriminanti e frasi umilianti.

Da qualche tempo ha postato sul web dei video dove si esibisce in coreografie divertenti e scatenate con le quali “urla” al mondo che la danza, come la vita, non è questione di peso.

Che dire?  Brava Whitney …

Guarda il video