diredonna network
logo
Stai leggendo: Ballare e non sentire il peso dei 160 chili

Come funziona la pianta mangiafumo?

"Nella gioia e nel dolore, nella salute e nella malattia": la forza dell'amore di quest'uomo

L'uomo affida messaggi d'amore in bottiglia al mare: va a finire così

Shannen Doherty, selfie con i capelli: "Mi sento di nuovo donna"

Greta e Marta, da "coppia d'oro" dello sport alle molestie fino all'accusa di stalking

Dimmi come porti la borsa e ti dirò chi sei

Oroscopo dal 17 al 23 agosto - Come sopravvivere alle stelle

Selenza Gomez: "Ero rotta dentro. Ecco come la terapia ha cambiato la mia vita"

J-Ax intervista Fedez: "Ho provato tutte le droghe, tranne l'eroina"

Quando Reeva scrisse a Pistorius: "A volte mi fai paura" e quelle parole di lui

Ballare e non sentire il peso dei 160 chili

Una grande passione per il ballo ma il fisico non propriamente di un'etolile. E' la storia di Whitney che si scatena davanti ad una telecamera per promuovere "il volersi bene" a prescindere dalla taglia indossata.
Ballare e non sentire il peso dei 160 chili

“No Body Shame” ovvero “Non vergognarti del tuo corpo”.

E’ questa la campagna promossa da Whitney Way Thore una produttrice radiofonica del North Carolina che, a causa della sindrome dell’ovaio policistico, è rapidamente aumentata di peso, passando da 55 a 160 Kg.

Un cambiamento che ha portato Whitney a scontrarsi con i modelli sociali e culturali moderni dove l’apparire ha un ruolo importantissimo.

Forte e determinata ha così deciso di battersi per se stessa e per tutte le donne come lei, costrette a subire gli sguardi di disapprovazione, atti  discriminanti e frasi umilianti.

Da qualche tempo ha postato sul web dei video dove si esibisce in coreografie divertenti e scatenate con le quali “urla” al mondo che la danza, come la vita, non è questione di peso.

Che dire?  Brava Whitney …

Guarda il video