diredonna network
logo
Stai leggendo: Leonardo Di Caprio: un’infanzia tra violenza e droga

La risposta di Meghan a chi le chiede se sposerà il principe Harry

"Jennifer, perdonami": Brad Pitt chiede scusa alla Aniston

Emily Ratajkowski: gli scatti e il video al lato B che fanno impazzire il web

Adam Levine, la dichiarazione d'amore alla moglie tatuata sulla pelle

"Sembri un Trans, ti sei rifatta il c...". Nina Moric rinviata a giudizio per gli insulti a Belen

Il capo lo manda a casa perché indossa i pantaloncini a lavoro: la risposta di questo ragazzo è semplicemente epica!

Arriva la notte di San Giovanni: 6 riti per trovare l'amore e scoprire chi sposerai

Il rimedio giusto all'allergia da fieno? È... il gin tonic! Lo dice la scienza

Meryl Streep: "Ho giurato che non avrei chiesto mai soldi a un uomo"

Amazon Wardrobe: scegli, prova a casa gratuitamente, poi decidi se comprare

Leonardo Di Caprio: un'infanzia tra violenza e droga

Leonardo Di Caprio si racconta. Un'infanzia difficile e un sogno che l'ha salvato da morte certa.
(foto:Web)
(foto:Web)

Leonardo Di Caprio è sicuramente uno degli attori che negli anni si è fatto amare dal pubblico con interpretazioni magistrali in film altrettanto indimenticabili.

Leonardo però nasconde un grande disagio interiore.
Se ora è uno degli attori più pagati del mondo, la sua adolescenza è trascorsa tra povertà, droga e violenza. Un periodo davvero duro per il piccolo Di Caprio che si è raccontato al Los Angeles Time: “Era proprio come ‘Taxi Driver’, crescere povero a Los Angeles mi ha dato modo di vedere e vivere dall’altro lato dello specchio. C’era un vicolo vicino casa che era noto per lo spaccio e il consumo di coca ed eroina. Io non mi sono mai fatto, ma quella roba l’ho vista da quando avevo quattro anni. Queste sono cose che ci sono anche ad Hollywood, ma al confronto parliamo di una passeggiata al parco giochi. Non ho mai avuto la tentazione di fare uso di droghe“.

Il sogno di fare l’attore l’ha salvato: “Avevo 15 anni, combinavo casini e facevo a botte tutti i giorni. allora mi resi conto che volevo essere lasciato in pace da tutti. Vidi un annuncio per le audizioni e pregai mia madre di portarmi ai provini”.

La tua buona stella ti ha protetto caro Leo.
Tu continua a donarci personaggi unici. (E vinci questo benedetto Oscar quest’anno!!!)