diredonna network
logo
Stai leggendo: Leonardo Di Caprio: un’infanzia tra violenza e droga

Seconda "social baby" in arrivo. Mark Zuckerberg: "Speravo tanto fosse femmina"

New entry in Grey's Anatomy 13. Jo è in pericolo?

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Equinozio di Primavera: perché era ieri e 5 rituali magici per godere dei suoi influssi

Leonardo Di Caprio: un'infanzia tra violenza e droga

Leonardo Di Caprio si racconta. Un'infanzia difficile e un sogno che l'ha salvato da morte certa.
(foto:Web)

Leonardo Di Caprio è sicuramente uno degli attori che negli anni si è fatto amare dal pubblico con interpretazioni magistrali in film altrettanto indimenticabili.

Leonardo però nasconde un grande disagio interiore.
Se ora è uno degli attori più pagati del mondo, la sua adolescenza è trascorsa tra povertà, droga e violenza. Un periodo davvero duro per il piccolo Di Caprio che si è raccontato al Los Angeles Time: “Era proprio come ‘Taxi Driver’, crescere povero a Los Angeles mi ha dato modo di vedere e vivere dall’altro lato dello specchio. C’era un vicolo vicino casa che era noto per lo spaccio e il consumo di coca ed eroina. Io non mi sono mai fatto, ma quella roba l’ho vista da quando avevo quattro anni. Queste sono cose che ci sono anche ad Hollywood, ma al confronto parliamo di una passeggiata al parco giochi. Non ho mai avuto la tentazione di fare uso di droghe“.

Il sogno di fare l’attore l’ha salvato: “Avevo 15 anni, combinavo casini e facevo a botte tutti i giorni. allora mi resi conto che volevo essere lasciato in pace da tutti. Vidi un annuncio per le audizioni e pregai mia madre di portarmi ai provini”.

La tua buona stella ti ha protetto caro Leo.
Tu continua a donarci personaggi unici. (E vinci questo benedetto Oscar quest’anno!!!)