diredonna network
logo
Stai leggendo: Leonardo Di Caprio: un’infanzia tra violenza e droga

12 cose che scommettiamo che non sai su La Bella e la Bestia

Christine Teigen, la foto della supermodella su Twitter: "Ecco le mie normalissime smagliature"

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Trench: storia di un capo senza tempo!

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Calzedonia Costumi 2017: tutte le novità della nuova collezione estiva!

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Cassidy, violentata a 13 anni suicida a 15: in questa lettera il suo ultimo desiderio

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Leonardo Di Caprio: un'infanzia tra violenza e droga

Leonardo Di Caprio si racconta. Un'infanzia difficile e un sogno che l'ha salvato da morte certa.
(foto:Web)

Leonardo Di Caprio è sicuramente uno degli attori che negli anni si è fatto amare dal pubblico con interpretazioni magistrali in film altrettanto indimenticabili.

Leonardo però nasconde un grande disagio interiore.
Se ora è uno degli attori più pagati del mondo, la sua adolescenza è trascorsa tra povertà, droga e violenza. Un periodo davvero duro per il piccolo Di Caprio che si è raccontato al Los Angeles Time: “Era proprio come ‘Taxi Driver’, crescere povero a Los Angeles mi ha dato modo di vedere e vivere dall’altro lato dello specchio. C’era un vicolo vicino casa che era noto per lo spaccio e il consumo di coca ed eroina. Io non mi sono mai fatto, ma quella roba l’ho vista da quando avevo quattro anni. Queste sono cose che ci sono anche ad Hollywood, ma al confronto parliamo di una passeggiata al parco giochi. Non ho mai avuto la tentazione di fare uso di droghe“.

Il sogno di fare l’attore l’ha salvato: “Avevo 15 anni, combinavo casini e facevo a botte tutti i giorni. allora mi resi conto che volevo essere lasciato in pace da tutti. Vidi un annuncio per le audizioni e pregai mia madre di portarmi ai provini”.

La tua buona stella ti ha protetto caro Leo.
Tu continua a donarci personaggi unici. (E vinci questo benedetto Oscar quest’anno!!!)