diredonna network
logo
Stai leggendo: Cassazione shock: se la moglie non vuole fare sesso il marito può andare con l’amante.

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

La scienza ha definito il numero massimo di ore lavoro al giorno per essere produttivi

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

H&M primavera/estate 2017: scoprite con noi la nuova collezione!

Il Paese più felice del mondo non è più la Danimarca? E l'Italia a che posto è?

Disegna il tuo papà!? Il risultato è sorprendente (e dolcissimo)

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Divorziano dopo 19 anni: lui le invia questi fiori con questo biglietto

Dal satanismo al sesso: la bufala dei messaggi subliminali di Art Attack

Questa è la proposta di matrimonio più bella del mondo

Cassazione shock: se la moglie non vuole fare sesso il marito può andare con l'amante.

Un caso che crea polemiche infinite.La Cassazione difende un uomo fedifrago poichè la moglie non fa sesso con lui da anni.
(foto:Web)

Un caso che creerà sicuramente dei precedenti e che scatenerà non poche polemiche.
Se il marito abbandona il tetto coniugale per andare a vivere con un’altra donna è totalmente giustificato se la compagna ufficiale non si abbandonava al sesso.
La Cassazione si schiera quindi totalmente dalla parte dell’uomo negando l’addebito della separazione al marito che aveva deciso di lasciare la moglie che dopo la nascita del figlio non gli aveva più concesso rapporti sessuali.
L’uomo dopo anni è andato a vivere con una nuova compagna.

Da qui la richiesta della moglie di addebitare la colpa della separazione al marito che aveva abbandonato il tetto coniugale, ma la Suprema Corte ha bocciato la richiesta della donna ricordandole la “violazione dei doveri coniugali”.
Un no, quello all’addebito della separazione al marito, che era già stato dato dopo la prima volta che il tribunale ascoltò l’uomo e le sue motivazioni.

Una circostanza, quella dello sciopero del sesso da parte della moglie, che come attesta l’ordinanza 2539 della Sesta sezione civile, era stata confermata anche dalla sorella del marito e mai smentita dalla diretta interessata: “elementi di prova che possano escludere la preesistenza di una situazione di esaurimento della comunità morale e affettiva fra i coniugi cui attribuire la intollerabilità della prosecuzione della convivenza“.
La donna non potrà nemmeno avere il risarcimento danni e l’unica cosa che ha ottenuto è l’assegno di mantenimento per il figlio.
Femminismo a parte, voi cosa ne pensate?!
La decisione della Cassazione è stata giusta?!?