diredonna network
logo
Stai leggendo: Arriva la Tassa sugli Smartphone

Dipendenza da smartphone? Ecco il cellulare che fa solo due cose

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

Violentata a 7 anni dal compagno della madre. Il processo dura 20 e l'accusa cade in prescrizione

Le ceneri dei defunti diventano vinili per dare ancora "voce" ai morti

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Arriva la Tassa sugli Smartphone

In arrivo una nuova, ennesima, tassa.Questa volta la Siae decide di mettere lo zampino su smartphone etc.
(foto:Web)

Ci mancava solo questa.
Questa e l’aria che respiriamo. Per fortuna l’ossigeno sembra ancora essere gratis, ma gli smartphone, già poco economici di loro, saranno ora anche tassati.
Appena un mercato funziona, la tassa arriva, puntuale, a svuotare quel poco rimasto nelle nostre tasche.
Smartphone, Tablet, Pc portatili, Chiavette Usb, Hard-Disk esterni e Decoder saranno tutti tassati.

L’imposta su tutti gli strumenti che funzionano da archivi digitali va da 5,20 euro per i nuovi smartphone e tablet che acquisteremo in futuro, fino a toccare 40 euro per i decoder con memoria interna da 400 GB.
Una tassa che non tarderà ad arrivare e probabilmente sarà presente già dai prossimi giorni.

LA SIAE La Siae (Società italiana autori editori) sostiene che bisogna pagare “in cambio della possibilità di effettuare una copia personale di registrazioni, tutelate dal diritto d’autore“, per fare dunque una copia di contenuti audio-video di cui siamo già legittimi proprietari.
Gli incassi Siae servono per compensare i mancati introiti degli autori, dovuti in larga parte alla pirateria online, ma ora forse si sta esagerando.
Quando questa tassa entrerà in vigore gli introiti in Siae arriverebbero a 200 milioni di euro, secondo le stime di acquisto per il 2014.

Una cifra davvero da capogiro che metterebbe fuori mercato diversi dispositivi: solo i modelli di cellulare più vecchi manterrebbero un prezzo contenuto.