diredonna network
logo
Stai leggendo: Arriva la Tassa sugli Smartphone

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Arriva la Tassa sugli Smartphone

In arrivo una nuova, ennesima, tassa.Questa volta la Siae decide di mettere lo zampino su smartphone etc.
(foto:Web)

Ci mancava solo questa.
Questa e l’aria che respiriamo. Per fortuna l’ossigeno sembra ancora essere gratis, ma gli smartphone, già poco economici di loro, saranno ora anche tassati.
Appena un mercato funziona, la tassa arriva, puntuale, a svuotare quel poco rimasto nelle nostre tasche.
Smartphone, Tablet, Pc portatili, Chiavette Usb, Hard-Disk esterni e Decoder saranno tutti tassati.

L’imposta su tutti gli strumenti che funzionano da archivi digitali va da 5,20 euro per i nuovi smartphone e tablet che acquisteremo in futuro, fino a toccare 40 euro per i decoder con memoria interna da 400 GB.
Una tassa che non tarderà ad arrivare e probabilmente sarà presente già dai prossimi giorni.

LA SIAE La Siae (Società italiana autori editori) sostiene che bisogna pagare “in cambio della possibilità di effettuare una copia personale di registrazioni, tutelate dal diritto d’autore“, per fare dunque una copia di contenuti audio-video di cui siamo già legittimi proprietari.
Gli incassi Siae servono per compensare i mancati introiti degli autori, dovuti in larga parte alla pirateria online, ma ora forse si sta esagerando.
Quando questa tassa entrerà in vigore gli introiti in Siae arriverebbero a 200 milioni di euro, secondo le stime di acquisto per il 2014.

Una cifra davvero da capogiro che metterebbe fuori mercato diversi dispositivi: solo i modelli di cellulare più vecchi manterrebbero un prezzo contenuto.