diredonna network
logo
Stai leggendo: La Cassazione: figli maggiorenni mantenuti solo se lo meritano

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

La Cassazione: figli maggiorenni mantenuti solo se lo meritano

La Cassazione ha deciso: i figli potranno essere mantenuti dopo la maggior età, solo se lo meritano.
(foto:Web)

Si è sempre pensato, soprattutto in Italia, che i figli devono essere mantenuti finché non escono di casa diventando completamente (o quasi) autosufficienti.
La Cassazione però ha deciso che un figlio deve essere mantenuto solo se davvero meritevole di certe attenzioni. La Suprema Corte per evidenziare questa nuova regola fa degli esempi concreti:
“un assegno versato direttamente a un figlio in preda al vizio del gioco d’azzardo è contrario allo spirito della norma”.

Una sentenza che fa discutere, ma che forse potrebbe aiutare gli italiani ad uscire dal ruolo di “mammoni” del mondo.
Il Palazzaccio ha emesso la sentenza riferendosi al caso di un ventenne, figlio di una coppia separata di professionisti facoltosi di Roma, cui era stato accordato un assegno di ben 700 euro al mese comprese le spese extra, solo perchè il ragazzo frequentava l’università. La Suprema Corte ha poi colto l’occasione per ricordare come, un versamento del genere, da parte di un genitore, deve “tendere ad assicurare l’autonomia del figlio maggiorenne nella selezione e nella cura dei propri interessi purché meritevoli di tutela”.

Questa decisione rivoluzionerà il modo di vivere dei giovani italiani, o le mamme tricolore difenderanno sempre i figli ritenendoli meritevoli delle loro premurose cure e dei loro soldi?!