diredonna network
logo
Stai leggendo: Amanda si mobilita per un italiano in carcere negli Stati Uniti

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Amanda si mobilita per un italiano in carcere negli Stati Uniti

Amanda Knox difende un condannato italiano negli U.S.A."La stessa profonda ingiustizia"
(foto:Web)

Durante il processo che ha visto la condanna definitiva di Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l’omicidio della compagna di studi Meredith Kercher, l’attenzione dei media è stata rivolta verso un caso “speculare” avvenuto negli USA.

Enrico Chico Forti, ex campione di windsurf e trentino di origine, è condannato all’ergastolo negli Stati Uniti, in Florida, per l’omicidio di Dale Pike, un australiano di 42 anni. Forti ha sempre dichiarato la sua innocenza, proprio come Amanda, e la criminologa Bruzzone che si è occupata a fondo del caso ha assicurato che la sua sentenza è una profonda ingiustizia. 

Uno dei più grandi sostenitori di Forti è proprio Amanda Knox che si è dedicata, dopo il primo processo, a difendere e sostenere le cause che assomigliano alle sue. Amanda sarebbe dovuta diventare la testimonial di un’associazione, la Judges for Justice, che lotta per difendere le persone imprigionate ingiustamente.

Amanda fa un parallelo tra il suo caso e quello di Forti: entrambi, comunque, hanno mentito durante la prima fase dell’inchiesta. L’avvocato di Forti non lo fece più testimoniare, convinto che, dopo quella prima bugia, le sue parole sarebbero state screditate. (Forti aveva negato di aver incontrato la vittima la sera dell’omicidio)
Il trentino sostiene che tutta la costruzione del processo contro di lui è scattata perché la polizia della contea Dade, di Miami, voleva punirlo per aver insinuato sospetti circa un’altra inchiesta, quella sulla morte di Andrew Cunanan, il serial killer colpevole di aver ucciso Gianni Versace. Cunanan fu trovato morto su una casa galleggiante di Miami, e il verdetto fu che si era suicidato. Forti ha invece sempre sostenuto che ci sono prove che era stato ucciso e poi trascinato sulla barca.

 

Sarà vero?!