diredonna network
logo
Stai leggendo: Amanda si mobilita per un italiano in carcere negli Stati Uniti

Muore a 8 anni mentre va al concerto: le parole di Tiziano Ferro

"Non posso immaginare un mondo senza di te": il cantante dei Linkin Park suicida come Chris Cornell

La ginnasta: "Abusata per almeno 600 volte dai 13 anni dal medico sportivo"

"Mi staccava la pelle a morsi e mi strappò l'utero": quando la violenza è "normale"

Si scatta un selfie con la sorella che sta partorendo e lo posta con queste parole

"Vi racconto la mia vita con un solo seno"

Quel bacio tra la sieropositiva e il dottore: "La mia vita con l'HIV"

William e Harry: "Mamma sapeva che la vita vera è fuori dalle mura del Palazzo"

Quella rabbia al volante che uccide sempre più spesso

Gianna Nannini sposa la compagna e se ne va: "L'Italia non mi tutela come mamma"

Amanda si mobilita per un italiano in carcere negli Stati Uniti

Amanda Knox difende un condannato italiano negli U.S.A."La stessa profonda ingiustizia"
(foto:Web)
(foto:Web)

Durante il processo che ha visto la condanna definitiva di Amanda Knox e Raffaele Sollecito per l’omicidio della compagna di studi Meredith Kercher, l’attenzione dei media è stata rivolta verso un caso “speculare” avvenuto negli USA.

Enrico Chico Forti, ex campione di windsurf e trentino di origine, è condannato all’ergastolo negli Stati Uniti, in Florida, per l’omicidio di Dale Pike, un australiano di 42 anni. Forti ha sempre dichiarato la sua innocenza, proprio come Amanda, e la criminologa Bruzzone che si è occupata a fondo del caso ha assicurato che la sua sentenza è una profonda ingiustizia. 

Uno dei più grandi sostenitori di Forti è proprio Amanda Knox che si è dedicata, dopo il primo processo, a difendere e sostenere le cause che assomigliano alle sue. Amanda sarebbe dovuta diventare la testimonial di un’associazione, la Judges for Justice, che lotta per difendere le persone imprigionate ingiustamente.

Amanda fa un parallelo tra il suo caso e quello di Forti: entrambi, comunque, hanno mentito durante la prima fase dell’inchiesta. L’avvocato di Forti non lo fece più testimoniare, convinto che, dopo quella prima bugia, le sue parole sarebbero state screditate. (Forti aveva negato di aver incontrato la vittima la sera dell’omicidio)
Il trentino sostiene che tutta la costruzione del processo contro di lui è scattata perché la polizia della contea Dade, di Miami, voleva punirlo per aver insinuato sospetti circa un’altra inchiesta, quella sulla morte di Andrew Cunanan, il serial killer colpevole di aver ucciso Gianni Versace. Cunanan fu trovato morto su una casa galleggiante di Miami, e il verdetto fu che si era suicidato. Forti ha invece sempre sostenuto che ci sono prove che era stato ucciso e poi trascinato sulla barca.

 

Sarà vero?!