diredonna network
logo
Stai leggendo: Kristina, la donna con le labbra più grandi del mondo

L'eutanasia e il rispetto per la vita: finalmente dj Fabo è morto, ora lui è libero, noi no

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Kristina, la donna con le labbra più grandi del mondo

Kristina è la donna con le labbra più grandi del mondo.Ossessionata dalla chirurgia si è trasformata per somigliare a Jessica Rabbit.
(foto:Web)

 

Kristina Rei è una donna da Guinness dei primati: la giovane infatti, fin da bambina, aveva come grande obiettivo quello di somigliare il più possibile a Jessica Rabbit, la sua icona di bellezza per eccellenza.
Attraverso centinaia di iniezioni al silicone, la prima quando aveva solo diciassette anni, e oltre 5mila euro spesi, Kristina è riuscita a diventare la donna con le labbra più grandi del mondo.

(foto:Web)

Nonostante ciò, l’ossessione per le sue labbra è talmente forte che Kristina non ha nessuna intenzione di smettere con gli interventi.
Si sente vittima, secondo sua stessa ammissione, di una vera e propria dipendenza dalla chirurgia estetica.

“Penso di avere un aspetto fantastico che mi rende felice. A volte, chi non mi conosce e m’incontra per strada mi chiama ‘grandi labbra’, ma a me non interessa. Voglio andare avanti, aumentando il seno e forse ritoccando anche il naso”.

Scioccante.
Ma chi siamo noi per giudicare?
Non è il primo caso di una chirurgia folle.