diredonna network
logo
Stai leggendo: Operai licenziati scrivono a Papa Francesco: “Senza lavoro dobbiamo pensare all’aborto”

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Operai licenziati scrivono a Papa Francesco: "Senza lavoro dobbiamo pensare all'aborto"

Disoccupati scrivono a Papa Francesco:"Senza lavoro non c'è vita. Senza soldi bisogna abortire"
(foto:Web)

Continuano le proteste dei lavoratori licenziati della Micron di Catania.
La Fim Cisl dell’azienda ha deciso di scrivere una lettera a Papa Francesco, invitando il Padre ad aiutare le famiglie, portando serenità e speranza nel futuro.
Perchè o si ha il lavoro o bisogna procedere con l’aborto.
Sono 419 le famiglie sul ciglio di un burrone e nella lettera aperta a Padre Bergoglio si legge:
“alcuni nostri colleghi che da poche settimane hanno ricevuto la grazia di aspettare un figlio. Per sconforto e disperazione pensano di ricorrere all’interruzione di gravidanza perchè non potranno garantirgli un futuro dignitoso”.

Nessuna dignità senza lavoro dunque.

“Santità, le scriviamo – si legge nella lettera del sindacato – per raccontarle la nostra storia, la storia di 419 famiglie messe da una multinazionale americana, la Micron, sul ciglio di un burrone. Oggi in Italia non siamo i soli e purtroppo le ultime vicende al ministero dello sviluppo economico Italiano ci ha confermato che il governo Italiano non le potrà salvare
“Le scriviamo non per citare la nostra storia aziendale ma per chiederLe di aiutare quelle famiglie che avendo perso il lavoro, non riescono a vedere una speranza per il futuro e non hanno la forza per credere nel dono della vita”.

La lettera si conclude così:
“Santissimo Padre, stiamo attivando come cristiani e come lavoratori tutto quello che umanamente è possibile attivare per evitare che la Micron porti via lavoro, serenità e dignità, ci aiuti ad evitare che portino via anche vite umane in gestazione. Santissimo Padre ci aiuti a portare a queste famiglie la serenità, la speranza nel futuro e nella vita che viene da Dio“.