diredonna network
logo
Stai leggendo: Operai licenziati scrivono a Papa Francesco: “Senza lavoro dobbiamo pensare all’aborto”

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Balenciaga "rifà" la borsa blu di Ikea. Trova le differenze: il prezzo per esempio

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Vacanze di Pasqua: i 4 compiti di questo maestro elementare

Sai a cosa serve la "tasca" sugli slip da donna? Mistero svelato

Programmi per Pasqua e Pasquetta: avete fatto i conti con il meteo del week end?

Operai licenziati scrivono a Papa Francesco: "Senza lavoro dobbiamo pensare all'aborto"

Disoccupati scrivono a Papa Francesco:"Senza lavoro non c'è vita. Senza soldi bisogna abortire"
(foto:Web)

Continuano le proteste dei lavoratori licenziati della Micron di Catania.
La Fim Cisl dell’azienda ha deciso di scrivere una lettera a Papa Francesco, invitando il Padre ad aiutare le famiglie, portando serenità e speranza nel futuro.
Perchè o si ha il lavoro o bisogna procedere con l’aborto.
Sono 419 le famiglie sul ciglio di un burrone e nella lettera aperta a Padre Bergoglio si legge:
“alcuni nostri colleghi che da poche settimane hanno ricevuto la grazia di aspettare un figlio. Per sconforto e disperazione pensano di ricorrere all’interruzione di gravidanza perchè non potranno garantirgli un futuro dignitoso”.

Nessuna dignità senza lavoro dunque.

“Santità, le scriviamo – si legge nella lettera del sindacato – per raccontarle la nostra storia, la storia di 419 famiglie messe da una multinazionale americana, la Micron, sul ciglio di un burrone. Oggi in Italia non siamo i soli e purtroppo le ultime vicende al ministero dello sviluppo economico Italiano ci ha confermato che il governo Italiano non le potrà salvare
“Le scriviamo non per citare la nostra storia aziendale ma per chiederLe di aiutare quelle famiglie che avendo perso il lavoro, non riescono a vedere una speranza per il futuro e non hanno la forza per credere nel dono della vita”.

La lettera si conclude così:
“Santissimo Padre, stiamo attivando come cristiani e come lavoratori tutto quello che umanamente è possibile attivare per evitare che la Micron porti via lavoro, serenità e dignità, ci aiuti ad evitare che portino via anche vite umane in gestazione. Santissimo Padre ci aiuti a portare a queste famiglie la serenità, la speranza nel futuro e nella vita che viene da Dio“.