diredonna network
logo
Stai leggendo: Disoccupato 40enne si inventa un lavoro: fa la fila al tuo posto per 10euro l’ora

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Disoccupato 40enne si inventa un lavoro: fa la fila al tuo posto per 10euro l'ora

Per sconfiggere la crisi ci vuole creatività.Ecco il caso di Giovanni Cafaro, l'uomo che si offre per fare la fila al tuo posto!
(foto:Web)

Un’idea originale anti-crisi, che agli italiani, poco pazienti di natura, piacerà moltissimo.
Giovanni Cafaro è un quarantenne disoccupato che vive a Salerno. Laureato in Scienze della Comunicazione, si è trasferito a Milano appena compiuti 30anni.
Viste le grandi difficoltà a trovare un lavoro, ha ben pensato di inventarsene uno.
Giovanni si offre per fare la fila al posto delle altre persone, per 10 euro l’ora.
In posta, dal dottore, ai sindacati… ovunque bisogna mettersi in coda prima di usufruire di un servizio, Giovanni si mette “al lavoro!”, con tanto di ricevuta.

“Chiedo dieci euro l’ora. Emetto pure ricevuta fiscale. Il mercato è in crescita” spiega Giovanni Cafaro che si è fatto pubblicità attraverso il suo profilo facebook. “Io sono quello che si mette in fila per chi non ha voglia e non ha tempo. Banche, assicurazioni, poste, asl… Non mi faccio mancare niente. Le file per pagare l’Imu sono il mio pane”.