diredonna network
logo
Stai leggendo: Mangia a scrocco per un anno

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Torna il Nokia 3310, il cellulare indistruttibile della nostra adolescenza!

Mamma single si traveste da papà per accompagnare il figlio all'evento della scuola

Mangia a scrocco per un anno

Un ragazzo cinese ha pranzato per un anno nella sala d'aspetto di prima classe dell'aeroporto.
Mangia a scrocco per un anno.

Cosa ci si inventa per scroccare un pranzo?

C’è  chi si imbuca ai matrimoni, chi si autoinvita, chi scappa senza pagare.

Il protagonista di questa storia è andato ben oltre. Memore del trattamento da vip ricevuto nella sala d’aspetto di prima classe in occasione di  un volo fatto per lavoro, ha pensato bene di comperare un biglietto aperto, per una destinazione a caso, e sfruttare al massimo i conforts messi a disposizione dalla compagnia aerea.

Si è quindi presentato, per ben 300 giorni, al  Xi’an airport di Shaanxi, nel cuore della Cina. E’ entrato nella sala riservata ai passeggeri di prima classe, ha chiesto il pranzo e si è mangiato tutte le leccornie messe a disposizione, ovviamente gratis, dei passeggeri.

Ogni giorno ha poi posticipato la partenza al giorno successivo … e via così… per quasi un anno.

Quando è stato scoperto dalla compagnia non si è minimamente scomposto, anzi, ha chiesto pure il rimborso parziale del biglietto sostenendo di non avere più l’esigenza di raggiungere la destinazione prevista per il suo volo.

Quando si dice avere la faccia di tolla.