diredonna network
logo
Stai leggendo: Mangia a scrocco per un anno

Il Titanic non affondò a causa dell'iceberg: ecco la nuova tesi e le prove

6 modi per riciclare i leggings che non portiamo più

Essere pagate per viaggiare: come si diventa Hotel Tester e quanto si guadagna

Oroscopo dal 19 al 25 gennaio 2017- Come sopravvivere alle stelle

Chiara Ferragni è incinta! Lo scherzo di Fedez alla "suocera" in un video

Sesso anale, la dottoressa De Mari: "Si pratica nelle iniziazioni sataniche. L'omosessualità non esiste"

"Sono grassa, ma mi vedo bella": da Victoria's Secret alla maternità, la sfida agli standard della modella plus size

Capodanno cinese: inizia l'anno del Gallo. Tu di che segno sei?

Cosa rivela la forma del tuo piede su di te

Ecco perché migliaia di ovetti sorpresa sono naufragati su questa spiaggia tedesca

Mangia a scrocco per un anno

Un ragazzo cinese ha pranzato per un anno nella sala d'aspetto di prima classe dell'aeroporto.
Mangia a scrocco per un anno.

Cosa ci si inventa per scroccare un pranzo?

C’è  chi si imbuca ai matrimoni, chi si autoinvita, chi scappa senza pagare.

Il protagonista di questa storia è andato ben oltre. Memore del trattamento da vip ricevuto nella sala d’aspetto di prima classe in occasione di  un volo fatto per lavoro, ha pensato bene di comperare un biglietto aperto, per una destinazione a caso, e sfruttare al massimo i conforts messi a disposizione dalla compagnia aerea.

Si è quindi presentato, per ben 300 giorni, al  Xi’an airport di Shaanxi, nel cuore della Cina. E’ entrato nella sala riservata ai passeggeri di prima classe, ha chiesto il pranzo e si è mangiato tutte le leccornie messe a disposizione, ovviamente gratis, dei passeggeri.

Ogni giorno ha poi posticipato la partenza al giorno successivo … e via così… per quasi un anno.

Quando è stato scoperto dalla compagnia non si è minimamente scomposto, anzi, ha chiesto pure il rimborso parziale del biglietto sostenendo di non avere più l’esigenza di raggiungere la destinazione prevista per il suo volo.

Quando si dice avere la faccia di tolla.