diredonna network
logo
Stai leggendo: Mangia a scrocco per un anno

"Ieri mi ha detto che sono bellissima": la lettera della moglie malata al marito

Vampiri energetici: come riconoscerli e imparare a difenderti da loro

"Quando me ne sarò andato": questo padre ha lasciato a suo figlio un messaggio lungo tutta una vita

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

Dice basta a una dieta da 500 calorie, ma il web la insulta

Oroscopo dal 20 al 26 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Perché ho realizzato per la mia bambina una festa a tema... cacca"

La fitness blogger che ha deciso di non depilarsi: "Voglio essere di ispirazione per le altre donne"

Titanic: ma Jack poteva salvarsi sulla porta-zattera con Rose? Ecco la risposta

Mangia a scrocco per un anno

Un ragazzo cinese ha pranzato per un anno nella sala d'aspetto di prima classe dell'aeroporto.
Mangia a scrocco per un anno.

Cosa ci si inventa per scroccare un pranzo?

C’è  chi si imbuca ai matrimoni, chi si autoinvita, chi scappa senza pagare.

Il protagonista di questa storia è andato ben oltre. Memore del trattamento da vip ricevuto nella sala d’aspetto di prima classe in occasione di  un volo fatto per lavoro, ha pensato bene di comperare un biglietto aperto, per una destinazione a caso, e sfruttare al massimo i conforts messi a disposizione dalla compagnia aerea.

Si è quindi presentato, per ben 300 giorni, al  Xi’an airport di Shaanxi, nel cuore della Cina. E’ entrato nella sala riservata ai passeggeri di prima classe, ha chiesto il pranzo e si è mangiato tutte le leccornie messe a disposizione, ovviamente gratis, dei passeggeri.

Ogni giorno ha poi posticipato la partenza al giorno successivo … e via così… per quasi un anno.

Quando è stato scoperto dalla compagnia non si è minimamente scomposto, anzi, ha chiesto pure il rimborso parziale del biglietto sostenendo di non avere più l’esigenza di raggiungere la destinazione prevista per il suo volo.

Quando si dice avere la faccia di tolla.