diredonna network
logo
Stai leggendo: Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini.

Tenetevi forte: arriva il sequel di Love Actually

Traffico d'organi: il dramma dei bambini e dei profughi scomparsi nel nulla

25 lettere di (non) amore di uomini violenti alle proprie donne

Niente carcere per il 19enne stupratore. La pena: "Niente sesso fino al matrimonio"

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Trascurano i figli per accudire i loro 12 cani": giudice toglie i figli a una coppia

Gessica, sfigurata dall'acido: "La strada è lunga, ma tengo duro". Il video messaggio su Facebook

Figli che uccidono i genitori: 7 casi shock

Oroscopo dal 9 al 15 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

"Perdonatemi, mamma e papà, se potete": la lettera di Michele, 30 anni, suicida per colpa del precariato

Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini.

A Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini."I clienti sono contenti così"
(foto:Web)

È a Brescia il primo ristorante vietato ai bambini, per loro infatti dalle 21 il locale è off-limits.

“È una regola che abbiamo adottato 7 anni fa e i nostri clienti sono felici così, quelli a cui non piace possono andare da qualche altra parte” raccontano i portavoce del ristorante-pizzeria Sirani a Bagnolo Mella, in provincia di Brescia. I bambini sotto i dieci anni non possono entrare nel locale dopo le 21 e questa decisione ha scatenato diverse polemiche.

La tendenza “No-Kids” viene dall’America ed è diventata un must anche in molti locali italiani solo qualche anno fa.

Sirani però era già avanti con i tempi e già nel 2007 esisteva un cartello all’ingresso del locale che invitava gli adulti ad essere responsabili e i bambini educati, ma fino alle 21, perchè poi i bambini non erano ammessi.

Su un sito di recensioni di viaggi e ristoranti, pochi giorni fa, si parla così del ristorante e della sua scelta: “Cartelli assurdi, il locale è molto carino, tutto buonissimo e prezzi buoni – ha scritto Marisilisa – Ma se non volevano bambini dovevano aprire una gioielleria, non una pasticceria”.

Immediata la replica del boss: “Quando c’erano i bambini dovevamo spesso ascoltare le lamentele degli altri clienti, ora funziona tutto benissimo”.

E voi che ne pensate?!