diredonna network
logo
Stai leggendo: Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini.

La maledizione della lotteria: "Ero più felice prima di vincere al Gratta e Vinci"

Svelate le date di uscita di Frozen 2 e Il Re Leone live action

Oroscopo dal 27 aprile al 3 maggio - Come sopravvivere alle stelle

"Il mio ragazzo ha un tumore al cervello. Dovrei sposarlo?"

Stealthing, il pericoloso "trend" sessuale dello stupro "invisibile": "Sono stata violentata senza accorgermene"

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini.

A Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini."I clienti sono contenti così"
(foto:Web)

È a Brescia il primo ristorante vietato ai bambini, per loro infatti dalle 21 il locale è off-limits.

“È una regola che abbiamo adottato 7 anni fa e i nostri clienti sono felici così, quelli a cui non piace possono andare da qualche altra parte” raccontano i portavoce del ristorante-pizzeria Sirani a Bagnolo Mella, in provincia di Brescia. I bambini sotto i dieci anni non possono entrare nel locale dopo le 21 e questa decisione ha scatenato diverse polemiche.

La tendenza “No-Kids” viene dall’America ed è diventata un must anche in molti locali italiani solo qualche anno fa.

Sirani però era già avanti con i tempi e già nel 2007 esisteva un cartello all’ingresso del locale che invitava gli adulti ad essere responsabili e i bambini educati, ma fino alle 21, perchè poi i bambini non erano ammessi.

Su un sito di recensioni di viaggi e ristoranti, pochi giorni fa, si parla così del ristorante e della sua scelta: “Cartelli assurdi, il locale è molto carino, tutto buonissimo e prezzi buoni – ha scritto Marisilisa – Ma se non volevano bambini dovevano aprire una gioielleria, non una pasticceria”.

Immediata la replica del boss: “Quando c’erano i bambini dovevamo spesso ascoltare le lamentele degli altri clienti, ora funziona tutto benissimo”.

E voi che ne pensate?!