diredonna network
logo
Stai leggendo: Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini.

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Rivoluzione IKEA: dite addio alle viti e alla mitica brugola. I mobili si montano così

Oroscopo dal 9 al 15 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Vorresti sposare mio marito?": la toccante lettera di Amy, prima di morire di cancro

Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini.

A Brescia, il primo ristorante vietato ai bambini."I clienti sono contenti così"
(foto:Web)

È a Brescia il primo ristorante vietato ai bambini, per loro infatti dalle 21 il locale è off-limits.

“È una regola che abbiamo adottato 7 anni fa e i nostri clienti sono felici così, quelli a cui non piace possono andare da qualche altra parte” raccontano i portavoce del ristorante-pizzeria Sirani a Bagnolo Mella, in provincia di Brescia. I bambini sotto i dieci anni non possono entrare nel locale dopo le 21 e questa decisione ha scatenato diverse polemiche.

La tendenza “No-Kids” viene dall’America ed è diventata un must anche in molti locali italiani solo qualche anno fa.

Sirani però era già avanti con i tempi e già nel 2007 esisteva un cartello all’ingresso del locale che invitava gli adulti ad essere responsabili e i bambini educati, ma fino alle 21, perchè poi i bambini non erano ammessi.

Su un sito di recensioni di viaggi e ristoranti, pochi giorni fa, si parla così del ristorante e della sua scelta: “Cartelli assurdi, il locale è molto carino, tutto buonissimo e prezzi buoni – ha scritto Marisilisa – Ma se non volevano bambini dovevano aprire una gioielleria, non una pasticceria”.

Immediata la replica del boss: “Quando c’erano i bambini dovevamo spesso ascoltare le lamentele degli altri clienti, ora funziona tutto benissimo”.

E voi che ne pensate?!