diredonna network
logo
Stai leggendo: Samantha Cristoforetti: la prima donna astronauta italiana nello spazio.

Sai perché i camici dei medici sono verdi o blu?

Chris, 31 anni, dice addio alla sua migliore amica di 89: il post diventa virale

Ecco cosa vuol dire quando trovate del liquido sopra al vostro yogurt

Hater, l'app che ti fa incontrare le persone che odiano le cose che detesti anche tu

Le commoventi parole di questo papà: "Ecco perché prendo ancora i fiori per la mia ex moglie"

Oroscopo dal 23 febbraio all'1 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Quando la tua ex ti scrive una lettera di scuse e tu gliela rimandi corretta" con la penna rossa

Questo hotel ha dedicato la sala da Tè alla Bella e alla Bestia: ecco perché vorrete andarci

Quest'uomo ha speso 80mila dollari in chirurgia plastica per diventare come Britney Spears

Oroscopo dal 16 al 22 febbraio - Come sopravvivere alle stelle

Samantha Cristoforetti: la prima donna astronauta italiana nello spazio.

A fine 2014 partirà una missione spaziale alla quale parteciperà una nostra connazionale.
Samantha Cristoforetti: la prima donna astronauta italiana nello spazio.

 

Avete mai visto “Armageddon”? Avete presente la scena finale quando gli astronauti scendono dalla navicella e vengono accolti dalla folla trionfante?

Magari ho preso come esempio una missione spaziale esageratamente esasperata (i protagonisti salvavano la terra facendo esplodere un meteorite che minaccia l’esistenza dell’umanità) ma l’immagine dell’eroe che scende dalla navicella è comunque molto affascinante.

C’è una nostra connazionale che avrà l’onore e l’onere di affrontare una missione spaziale.

Si chiama Samantha Cristoforetti ha 36 anni, è trentina ed è un pilota dell’aeronautica Militare.

Il 24 novembre decollerà da una base spaziale in Kazakistan e dopo un volo di 100 Km raggiungerà la navicella russa Soyuz sulla quale rimarrà sei mesi per effettuare numerosi esperimenti tra i quali lo studio sull’effetto delle nanoparticelle sul tessuto osseo, prove sull’utilizzo di stampanti 3D, uno studio sul ritorno venoso dal cervello, uno sull’equilibrio e uno studio sul sonno.

La missione non prevede delle passeggiate nello spazio ma Samantha ha concluso la conferenza stampa di presentazione della missione con un “non si sa mai” lasciando intendere che se capitasse l’occasione non si lascerà scappare la possibilità di essere la prima italiana a camminare nello spazio.

Ma per la passeggiate nello spazio … saranno meglio i tacchi o le ballerine??? 🙂