diredonna network
logo
Stai leggendo: Larva Gigante nella terra dei fuochi: la bufala web che diventa virale

Legge choc: "I medici possono mentire alle madri per evitare gli aborti"

Oroscopo dal 23 al 29 marzo - Come sopravvivere alle stelle

"Ha detto basta ma non ha urlato": quindi non è violenza sessuale

Luke Perry: "Ho una lesione precancerosa al colon. Fate lo screening"

"6 motivi per scegliere una fidanzata dell'est": è polemica per la lista di Rai1

Oroscopo dal 16 al 22 marzo - Come sopravvivere alle stelle

La vita in Nord Corea: "A 9 anni ho visto giustiziare una donna per aver visto un film di Hollywood"

"Questa è mia figlia poco prima di morire": il disperato gesto di un padre contro il bullismo

Perdono i genitori in una settimana: il mondo si mobilita per pagare il mutuo ai tre fratelli

"Lui, il grande fotografo, che mi fotografava bambina e mi stuprava"

Larva Gigante nella terra dei fuochi: la bufala web che diventa virale

Larva gigante nella Terra dei Fuochi?!Tutta una bufala: ecco la verità.
(foto:Web)

In poche ore, grazie alla condivisione sui social network, si è diffusa la notizia di una larva gigante caduta dal cielo a Capriati.

Una larva di dimensioni terribili che emette suoni spaventosi, definiti “equini”.

Un killer silenzioso, denominato il punteruolo rosso, che ha sterminato milioni di palme giganti.
In realtà, questa notizia è stata fortemente ingigantita attraverso una foto fake.
La vera larva è solo un paio di volte più grande di uno scarafaggio, un aumento di massa dovuto alle radiazioni dei rifiuti.

Questo il testo, fuorviante, che si poteva leggere sui siti campani: “I vigili del Fuoco hanno rinvenuto a Capriati al Volturno una larva gigante di punteruolo rosso, (Rhynchophorus ferrugineus) micidiale parassita di molte specie di palme, famosa per aver distrutto milioni di piante negli ultimi tempi in Italia. La larva, dalle dimensioni incredibili, era ancora viva ed emetteva acuti striduli da poter essere confusi con un nitrito di cavallo”.

Inutile dire che i vigili di Capriati, interrogati al riguardo, sono caduti (dalle nuvole questa volta).