diredonna network
logo
Stai leggendo: Larva Gigante nella terra dei fuochi: la bufala web che diventa virale

Pesce d'aprile: sai distinguere una bufala da una notizia vera? Mettiti alla prova

I genitori vogliono continuare la battaglia. Il giudice: "Stop alle cure, deve morire con dignità"

"Buon viaggio piccola Aliena": l'addio di Laura Pausini alla nipotina di 3 anni

Perché non dovresti MAI utilizzare questo phon pubblico (né avvicinarti)

"Figlia mia, sopravvivo solo per darti giustizia". Parla la mamma di Tiziana Cantone

A terra con 32 coltellate. "Ho sposato l'uomo che mi ha salvata dall'ex violento"

Charli, la modella mostra la cellulite: "Non me ne vergogno"

Oroscopo dal 13 al 19 aprile - Come sopravvivere alle stelle

Occhi al cielo: arrivano la luna rosa e la cometa verde

Omicidio di identità: "Sfregiare con l'acido è uccidere"

Larva Gigante nella terra dei fuochi: la bufala web che diventa virale

Larva gigante nella Terra dei Fuochi?!Tutta una bufala: ecco la verità.
(foto:Web)

In poche ore, grazie alla condivisione sui social network, si è diffusa la notizia di una larva gigante caduta dal cielo a Capriati.

Una larva di dimensioni terribili che emette suoni spaventosi, definiti “equini”.

Un killer silenzioso, denominato il punteruolo rosso, che ha sterminato milioni di palme giganti.
In realtà, questa notizia è stata fortemente ingigantita attraverso una foto fake.
La vera larva è solo un paio di volte più grande di uno scarafaggio, un aumento di massa dovuto alle radiazioni dei rifiuti.

Questo il testo, fuorviante, che si poteva leggere sui siti campani: “I vigili del Fuoco hanno rinvenuto a Capriati al Volturno una larva gigante di punteruolo rosso, (Rhynchophorus ferrugineus) micidiale parassita di molte specie di palme, famosa per aver distrutto milioni di piante negli ultimi tempi in Italia. La larva, dalle dimensioni incredibili, era ancora viva ed emetteva acuti striduli da poter essere confusi con un nitrito di cavallo”.

Inutile dire che i vigili di Capriati, interrogati al riguardo, sono caduti (dalle nuvole questa volta).